Psicologia

Tutti narcisi su Facebook?

Una psicologa italiana ha evidenziato come, a partire dal profilo pubblicato su Facebook, sia possibile identificare i narcisi. (Alessandro Bolla, 2 ottobre 2008)

Hai un profilo su Facebook o su un altro social network? Attento alle immagini e alle informazioni che diffondi sul tuo conto: non rischi solo di compromettere la tua reputazione (vedi Focus n° 192), ma anche di passare per narciso. Laura Buffardi, psicologa italiana in forza alla University of Georgia, ha recentemente pubblicato uno studio secondo il quale l’analisi dei profili pubblicati su Facebook consentirebbe di inviduare il "grado di narcisismo" degli autori. La ricercatrice ha fatto compilare 130 profili ad altrettanti nuovi utenti di Facebook, li ha analizzati e ha invitato un gruppo di volontari a valutarli. Secondo la Buffardi il numero di amici, il tipo di immagini e i commenti associati a un profilo sono l'indice del narcisismo (cioè dell'eccessivo "amore" per se stessi). I narcisisti, infatti, sulla propria pagina pubblicano le foto più glamour, quelle in cui compaiono “più belli” e trendy, mentre gli altri utilizzano foto banali, magari scattate al volo con un telefonino o una webcam. E i volontari ai quali sono stati sottoposti i 130 profili sono quasi sempre riusciti a identificare i più narcisi: ciò significa che questa analisi è possibile anche a chi non è esperto di psicologia.
Piacioni 2.0. Gli studi sul narcisismo sono particolarmente importanti perché questo tratto del carattere può influire negativamente sulle relazioni di lungo periodo: i narcisi all’inizio possono anche sembrare affascinanti, ma alla fine tendono a manipolare le persone utilizzandole a proprio vantaggio.

8 ottobre 2008
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us