Psicologia

Telelavoro: collaboriamo meno e lavoriamo (forse) di più

Durante la covid i dipendenti Microsoft hanno lavorato di più, ma collaborato meno con i colleghi: colpa del telelavoro e delle nuove abitudini.

La covid ha cambiato non solo il modo in cui ci relazioniamo con gli altri, ma anche il modo in cui lavoriamo: abbiamo parlato più volte dei pro e contro del lavorare da casa, delle chiamate fuori orario e di come organizzarsi al meglio. Uno studio condotto da Microsoft e pubblicato su Nature Human Behaviour ha analizzato in che modo il passaggio da ufficio a casa ha influito sulle relazioni tra i dipendenti dell'azienda e sulle loro giornate, rilevando un aumento delle ore di lavoro settimanali e una diminuzione della collaborazione tra colleghi.

Meno scambi. La ricerca, che si è concentrata sui primi sei mesi del 2020, ha analizzato il lavoro di oltre 61.000 dipendenti Microsoft che, solitari dietro ai propri computer, hanno interagito meno tra loro: questo mancato scambio di idee potrebbe a lungo termine danneggiare l'azienda, influendo negativamente sull'innovazione. «Esiste un vantaggio competitivo nel cosiddetto "trasferimento di conoscenza", durante il quale un gruppo di persone di un'azienda condivide le proprie esperienze con un altro gruppo di persone della stessa azienda», sottolineano i ricercatori. Durante i mesi di pandemia è cambiato anche il modo di interagire coi colleghi distanti: le chiacchiere in ufficio sono state rimpiazzate non da chiamate e videochiamate, ma da più fredde (e male interpretabili) e-mail e messaggi in chat.

Più lavoro? Dall'altro lato, l'analisi ha rilevato un aumento del 10% nelle ore totali di lavoro dei dipendenti, calcolate come l'intervallo tra l'inizio della prima attività lavorativa e la fine dell'ultima. Tuttavia, sottolineano i ricercatori, questo calcolo potrebbe essere fuorviante e l'aumento essere solo apparente: «le stesse ore di lavoro potrebbero essere spalmate nell'arco della giornata, intercalate da distrazioni o attività di altro genere».

Ciò che emerge dallo studio è che per un'azienda il telelavoro può non essere l'opzione migliore: «Gli effetti osservati sulla collaborazione e la comunicazione tra i lavoratori avranno un impatto sulla produttività e, a lungo termine, anche sull'innovazione». La soluzione migliore, sottolineano gli esperti, è alternare casa e ufficio, dividendo i dipendenti in gruppi che si ritrovino a lavorare insieme solo alcuni giorni della settimana in azienda, oppure stabilendo lo stesso orario alternato per l'intero team.

29 ottobre 2021 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Albert Einstein amava la vita, la fisica e odiava le regole. Osteggiato in patria e osannato nel mondo, vinse molte battaglie personali e scientifiche. A cento anni dal Nobel, il ritratto del più
grande genio del Novecento che ha rivoluzionato le leggi del tempo e dello spazio. E ancora: la storia di Beppe Fenoglio, tra scrittura e Resistenza; l'impresa di Champollion, che 200 anni fa decodificò la stele di Rosetta e svelò i segreti degli antichi Egizi; contro il dolore, la fatica, la noia: le droghe naturali più usate nel corso dei secoli.

ABBONATI A 29,90€

Il sonno è indispensabile per rigenerare corpo e mente. Ma perché le nostre notti sono sempre più disturbate? E a che cosa servono i sogni? La scienza risponde. E ancora: pregi e difetti della carne, alimento la cui produzione ha un grande impatto sul Pianeta; l'inquinamento e le controindicazioni dell’energia alternativa per gli aerei; perché ballare fa bene (anche) al cervello. 

ABBONATI A 31,90€
Follow us