Psicologia

Svegli senza sveglia? Tutto merito di un gene

Chi si addormenta presto la sera è più sveglio al mattino presto. Grazie alle buone abitudini? No, il segreto è in un gene.

Svegli senza sveglia? Tutto merito di un gene
Chi si addormenta presto la sera è più sveglio al mattino presto. Grazie alle buone abitudini? No, il segreto è in un gene.

Pennichella o sindrome da sonno precoce (FASPS)? Dormire quando tutti gli altri sono svegli e svegliarsi quando tutti dormono potrebbe essere 'solo' una questione di geni.
Pennichella o sindrome da sonno precoce (FASPS)? Dormire quando tutti gli altri sono svegli e svegliarsi quando tutti dormono potrebbe essere "solo" una questione di geni.

La differenza tra un dormiglione e un mattiniero non sta nella forza dell'abitudine ma in un gene. Alcuni scienziati dell'università della California e dell'Istituto Medico Howard Hughes hanno scoperto il segreto degli individui che solitamente vanno a letto quando gli altri cenano e si svegliano prima che cominci ad albeggiare.
Il gene-sveglia. Secondo gli esperimenti guidati da Louis J. Ptacek e Ying-Hui Fu, questo spostamento del ciclo del sonno - che coinvolge una piccola percentuale di individui - è determinato dai mutamenti di un gene, coinvolto nella regolazione del ritmo circadiano (il ritmo biologico giornaliero che regola il nostro organismo in base all'alternarsi del giorno e della notte).
Come il gene operi ancora non è chiaro, ma si sa che agisce in ogni specie in modo differente. Sui topi, per esempio, ha lo stesso effetto che sugli esseri umani, rendendoli mattinieri. Mentre nel moscerino della frutta fa il contrario: sposta la “sveglia” dell'insetto più avanti, allungando così il suo ritmo circandiano.
«Questi risultati mostrano che il gene è una componente centrale del ritmo circadiano - afferma Ptacek - e suggerisce che l'”orologio” dei mammiferi e quello dei moscerini potrebbe avere differenti meccanismi di regolazione, pur mantenendo la stessa natura».
Sindrome acuta da ciondolamento. A parte uno sgradevole ciondolamento della testa e gli occhi che si chiudono alle otto di sera, la sindrome del mattiniero, che ha anche un nome, si chiama FASPS (Familial Advanced Sleep Phase Syndrome), di per sé non ha alcuna controindicazione e nessun collegamento con la ben più nota malattia del sonno, la narcolessia. Anche perché i mattinieri non dormono né di più né di meno rispetto agli altri, ma solo in tempi diversi. La scoperta è importante secondo gli scienziati, perché se confermata, potrebbe servire, oltre che a cambiare le "abitudini" di qualcuno, anche per curare i principali disturbi del sonno.

(Notizia aggiornata al 31 marzo 2005)

31 marzo 2005
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us