Speciale
Domande e Risposte
Psicologia

Perché stringere nuove amicizie da adulti è più difficile?

Non è solo la pandemia ad accrescere il senso di solitudine: la scienza spiega perché fare nuove amicizie quando non si è giovani è più complicato.

Distanziamento fisico, lockdown e quarantene hanno avuto effetti negativi sulla vita relazionale di miliardi di persone in tutto il mondo: lo confermano numerosi studi condotti negli ultimi due anni sul rapporto tra pandemia e benessere psicologico. E che sentirsi troppo soli faccia male è altrettanto dimostrato: uno studio del 2010 spiega come la solitudine patologica abbia effetti negativi sul sistema cardiovascolare quanto il fumo di sigaretta.

solitudine. Farsi degli amici, però, non è facile, soprattutto da adulti. Lo conferma una recente ricerca condotta in Australia, secondo la quale chi non è riuscito a mantenere i rapporti stretti durante l'infanzia, difficilmente riuscirà a crearsene di nuovi una volta cresciuto. Lo studio è stato condotto dai un team di psicologi ed esperti di relazioni sociali dell'Iverson Health Innovation Research Institute di Melbourne ed è disponibile sul sito dell'ateneo corredato da una grande quantità di dati.

Il primo dato che balza all'occhio è come la pandemia abbia realmente influito sui rapporti umani: se prima della CoViD circa un terzo degli australiani aveva riportato di aver provato almeno una volta un profondo senso di solitudine, dopo la pandemia questa sensazione aveva travolto oltre il 54% degli intervistati.

Pandemia a parte, che cosa rende difficile stringere nuovi rapporti? Secondo i ricercatori, gli adulti fanno più fatica di giovani e giovanissimi a fidarsi delle persone che non conoscono. Ecco perché, suggeriscono gli scienziati, è importante mantenere e coltivare i rapporti stretti ai tempi della scuola: è una questione di risparmio energetico. Da adulti abbiamo paura di essere giudicati, di essere rifiutati, di non piacere all'altro, di essere feriti.

Il tempo dell'amicizia. La ricerca ha evidenziato come gli adulti facciano fatica a fare amicizia per mancanza di tempo: secondo gli intervistati impegni di lavoro, famiglia e vita frenetica non lasciano spazio all'apertura di nuove relazioni. Già, perché stringere amicizie richiede tempo. Quanto? Secondo uno studio del 2018 servono almeno 50 ore passate insieme a stretto contatto per trasformare una conoscenza occasionale in una blanda amicizia, e almeno 200 ore per diventare "amici per la pelle". I rapporti di lavoro contano fino a un certo punto: occorre condividere insieme qualcosa di meno impersonale della vita puramente professionale.

Quindi la solitudine è inevitabile? No, affermano i ricercatori australiani. Ma per coltivare le amicizie servono impegno e costanza: possono bastare anche 10 minuti al giorno, il tempo di mandare un messaggio a quel compagno di scuola che non sentiamo da 20 anni.

13 febbraio 2022 Rebecca Mantovani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Oggi il presidente ucraino Zelensky, ieri l'imperatore Claudio, la contessa-guerriera Caterina Sforza, il sindacalista Lech Walesa, il sovrano Giorgio VI... Tutti leader per caso (o per forza) che le circostanze hanno spinto a mettersi in gioco per cambiare il corso della Storia. E ancora: nella Urbino di Federico da Montefeltro, un grande protagonista del Rinascimento; 30 anni fa, la morte di Giovanni Falcone a Capaci; lo scandalo Watergate che costrinse il presidente Nixon alle dimissioni; i misteri, mai risolti, attorno all'omicidio di Giovanni Borgia.

ABBONATI A 29,90€

Il mare è vita eppure lo stiamo sfruttando e inquinando rischiando il collasso dell’ecosistema globale. Per salvarlo dobbiamo intervenire. Come? Inoltre: perché è difficile prendere decisioni; esiste l'archivio globale dei volti; come interagire con complottisti e negazionisti; perché i traumi di guerra sono psicologicamente pesanti.

ABBONATI A 31,90€
Follow us