Psicologia

Somiglianza fisica? È questione di personalità!

Per la nostra mente, due individui con personalità simile si assomigliano anche fisicamente: è un pregiudizio che falsa la nostra percezione.

Conoscere la personalità di una persona influenza il modo in cui ci appare fisicamente. In altre parole, se pensiamo che due individui abbiano un carattere simile, ai nostri occhi risulteranno simili anche fisicamente. È quanto scoperto da una ricerca pubblicata su Cognition, che ha rilevato che la nostra mente, quando deve giudicare la somiglianza tra due persone, incorre in un bias cognitivo, cioè un pregiudizio che falsa la nostra percezione.

Personalità e pregiudizi. La ricerca ha coinvolto persone di diverso sesso, razza ed etnia: tramite il computer, i partecipanti dovevano giudicare la somiglianza fisica tra alcuni personaggi famosi (attori, politici, cantanti: tutti maschi bianchi per coerenza estetica). In generale, quando i partecipanti credevano che due individui avessero una personalità simile, giudicavano simile anche l'aspetto fisico. 

I ricercatori hanno poi mostrato ai partecipanti delle foto di persone sconosciute: anche in questo caso, se veniva loro detto che due persone avevano una personalità simile, automaticamente le riconoscevano come più simili fisicamente. «Il nostro studio dimostra che il riconoscimento dell'identità facciale non si basa solo su caratteristiche fisiche, ma è influenzato da quanto già conosciamo riguardo al carattere di chi stiamo osservando», spiega Jonathan Freeman, uno degli autori.

Scelte inconsapevoli. Per controllare che le risposte fossero davvero frutto di un processo cognitivo inconscio, i ricercatori si sono serviti di un software innovativo che controlla i movimenti del mouse: vedendo in che modo si muoveva il puntatore, il programma riusciva a individuare ogni minima indecisione dei partecipanti, rivelando le loro tendenze inconsce. La prossima volta che vi troverete a giudicare la somiglianza tra due persone, domandatevi: si assomigliano davvero, o è un inganno della mente?

15 settembre 2021 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us