Psicologia

Social network: tutti a caccia di like

I social network e il meccanismo che ci spinge a condividere foto e post: più riceviamo consensi (like), più postiamo e diventiamo social-dipendenti.

Molti di noi non passano giornata senza condividere almeno un contenuto online, a dir poco: la foto di una colazione, un commento tra amici, una frase romantica... condividiamo la nostra vita online, spesso più di quanto sia consigliabile e con conseguenze poco piacevoli. Che cosa porta molti alla ricerca spasmodica di un like? È il meccanismo del reward learning, in italiano apprendimento per ricompensa, lo stesso che fa sì che i topi in laboratorio imparino a eseguire le azioni che li premiano con un pezzettino di formaggio. Proprio come cavie, anche noi impostiamo il nostro comportamento online in base alla reazione dei nostri seguaci (e alla ricompensa, conteggiata in like, che riceviamo): più i nostri post vengono apprezzati, più condividiamo; meno consensi riceviamo, meno foto carichiamo.

Ricompensati. Per arrivare a questi risultati, descritti in dettaglio in uno studio pubblicato su Nature Communications, gli autori hanno analizzato oltre un milione di post pubblicati su Instagram e altri social da più di quattromila utenti. Ne è emerso un comportamento ricorrente, che gli esperti hanno associato al meccanismo psicologico conosciuto come reward learning: per confermare quanto rilevato dall'analisi dei post, i ricercatori hanno sottoposto alcuni volontari a un esperimento online, in cui ai partecipanti è stato chiesto di condividere a piacimento foto divertenti e meme per ricevere commenti e mi piace da altri utenti. Il loro comportamento è stato in linea con i risultati dello studio: «I social media seguono i principi base, comuni a molte specie animali, dell'apprendimento per ricompensa», afferma David Amodio, uno degli autori.

Utilizzo social network
L'immagine mostra la media giornaliera di utilizzo dei social network nel 2020 (dati aggiornati a luglio) per utenti dai 16 ai 64 anni. A questo link è disponibile il resoconto completo dell'analisi di Datareportal. © Statista

Iperconnessi. I risultati della ricerca potrebbero aiutarci a comprendere il perché siamo sempre più social-dipendenti (oltre che fonino-dipendenti) e in che modo contrastare questo eccessivo coinvolgimento e i problemi che ne derivano. Nel 2020, oltre quattro miliardi di persone hanno utilizzato giornalmente i social network anche per diverse ore, una tendenza in crescita rispetto all'anno precedente anche a causa di lockdown e restrizioni anti-covid che hanno impedito la normale socialità in presenza.

12 marzo 2021 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Settant’anni fa agli italiani arrivò un regalo inaspettato: la televisione. Quell’apparecchio – che pochi potevano comprare e quindi si vedeva tutti insieme – portò con sè altri doni: una lingua in comune, l’intrattenimento garantito, le informazioni da tutto il mondo. Una vera rivoluzione culturale e sociale di cui la Rai fu indiscussa protagonista. E ancora: i primi passi della Nato; i gemelli nel mito e nella società; la vita travagliata, e la morte misteriosa, di Andrea Palladio; quando, come e perché è nato il razzismo; la routine di bellezza delle antiche romane.

ABBONATI A 29,90€

I gemelli digitali della Terra serviranno a simularne il futuro indicando gli interventi più adatti per prevenirne i rischi ambientali. E ancora, le due facce dell’aggressività nella storia dell’evoluzione umana; com’è la vita di una persona che soffre di balbuzie; tutti gli strumenti che usiamo per ascoltare le invisibili onde gravitazionali che vengono dall’alba dell’universo; le pillole intelligenti" che dispensano farmaci e monitorano la salute del corpo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us