Psicologia

Che cosa sono le sindromi di Capgras e Fregoli?

Chi soffre di queste due rare condizioni, per lo più legate a disturbi psichiatrici, arriva a non riconoscere più il volto di figli e partner, e si immagina perseguitato da impostori e replicanti.

Madame M. era convinta che suo marito fosse stato sostituito da un sosia, e questo a sua volta da un altro... fino a contare 80 "copie" del marito. Il suo caso fu descritto nel 1923 dal francese Joseph Capgras, che identificò il raro disturbo della donna: oggi si chiama appunto Sindrome di Capgras. Chi ne soffre crede che parenti e amici siano stati sostituiti da impostori identici a loro.

Mio marito è un impostore. «In questi pazienti manca il senso di familiarità che accompagna la percezione di un volto» spiega Costanza Papagno, docente di Psicologia fisiologica all’Università di Milano-Bicocca. «È il contrario della prosopagnosia, l’incapacità di riconoscere un volto del quale, però, si avverte la valenza affettiva: il paziente non riconosce una persona anche molto vicina, come il coniuge o il figlio, ma sente che gli è simpatica».

Quel tizio mi perseguita. Ha conseguenze bizzarre su come vediamo gli altri anche la Sindrome di Fregoli, dal nome di un trasformista italiano del primo ’900. Si è convinti che le altre persone siano in realtà tutte lo stesso individuo, con diverse fattezze. Entrambi i disturbi sono associati a disordini psichiatrici (schizofrenia, deliri paranoici), ma anche ad altre condizioni e hanno basi neurali ancora non chiare.

«Un sistema neurale, come quello del riconoscimento dei volti, può funzionare male anche senza aver subìto una lesione» chiarisce Papagno. «Studiando queste sindromi abbiamo capito che il meccanismo del riconoscimento dei volti è collegato al sistema limbico, responsabile delle emozioni».

24 settembre 2014 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us