Psicologia

Il silenzio? Fa rumore. E lo possiamo sentire

Il cervello e le orecchie umane possono davvero percepire il suono del silenzio, e non solo come una pausa tra un rumore e l'altro.

Si dice che un silenzio possa essere assordante, ma una nuova ricerca dimostra che, a prescindere da quanto imbarazzo possa destare l'assenza di parole, il silenzio è veramente qualcosa che possiamo udire, nonostante sia, per definizione, l'assenza di rumore.

Un team di scienziati l'ha appena provato ricorrendo alle illusioni sonore, che funzionano - così dice lo studio, appena pubblicato su Proceedings of the National Academy of Sciences - anche se ai suoni si sostituiscono intervalli di silenzio. Il cervello umano si lascia ingannare dai suoni e dal silenzio allo stesso modo, a dimostrazione del fatto che è possibile udire anche il silenzio.

Che cosa sentiamo? Da secoli scienziati e filosofi si chiedono se l'uomo sia in grado di udire qualcosa che non sia necessariamente un suono. «Tipicamente pensiamo al nostro senso dell'udito come a qualcosa che ha a che fare con i suoni» dice Rui Zhe Goh, ricercatore di filosofia e psicologia della Johns Hopkins University (Baltimora). «Ma il silenzio, qualunque cosa sia, non è un suono - è l'assenza di suono - e sorprendentemente, il nostro lavoro dimostra che quel "niente" è comunque qualcosa che si può sentire».

L'espediente delle illusioni. Gli scienziati sono partiti da diverse illusioni uditive note per ricreare versioni di quelle stesse illusioni in cui i suoni fossero stati rimpiazzati da momenti di silenzio della stessa durata. L'obiettivo era infatti capire se il cervello umano tratti i silenzi allo stesso modo in cui tratta i suoni. Proprio come le illusioni ottiche, quelle acustiche inducono il cervello a credere di aver udito qualcosa che non c'è, per esempio perché distorcono la percezione del tempo e fanno credere che un suono sia più lungo o più breve di com'è in realtà.

Anche il silenzio ci inganna. Un esempio è l'illusione conosciuta come "One is more", in cui uno stimolo sonoro continuo è percepito come più lungo di due stimoli sonori separati, anche se le due sequenze hanno la stessa durata. In una serie di test che hanno coinvolto un migliaio di partecipanti, gli scienziati hanno riadattato questa famosa illusione sostituendo al singolo e al doppio "beep" sonoro equivalenti momenti di silenzio. I partecipanti hanno ascoltato file audio che simulavano il brusio all'interno di un ristorante, di una stazione dei treni e di un mercato che venivano bruscamente interrotti da un lungo o da due brevi momenti di silenzio.

Come nel caso dell'illusione originale, il silenzio ininterrotto è stato percepito come più lungo rispetto ai due silenzi spezzati: significa che le stesse illusioni uditive che si pensavano innescate soltanto dai suoni funzionano anche se ai suoni si sostituiscono i silenzi. L'assenza di suono viene processata come un suono vero e proprio.

Nulla, ti sento! «C'è almeno una cosa che sentiamo che non è un suono, ed è il silenzio che si crea quando il suono se ne va», dice Ian Phillips, coautore dello studio. Il gruppo di scienziati si è ripromesso di esplorare ulteriormente il modo in cui sentiamo il silenzio, cercando di capire, per esempio, se percepiamo allo stesso modo i silenzi che non sono preceduti da contesti rumorosi come quelli proposti nello studio. Sarà inoltre interessante capire come percepiamo altre cose assenti, come la scomparsa improvvisa di stimoli visivi.

25 luglio 2023 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us