Psicologia

Separarsi dall'iPhone fa male al cervello

Perdita di autocoscienza e prostrazione psicologica: sarebbero questi gli effetti della "sindrome da separazione da iPhone". Lo dice la scienza.

Arriva dall’Università del Missouri l’ennesimo studio che dimostrerebbe quanto smartphone e app varie sono ormai diventati un estensione di noi stessi: quando ce ne separiamo per troppo tempo diventiamo nervosi e perdiamo la concentrazione, al punto che le nostre perfomance cognitive ne risentono sensibilmente.

Lo studio è stato pubblicato lo scorso 8 gennaio: a 40 utenti iPhone è stato chiesto di risolvere puzzle e sciarade davanti ai computer di un laboratorio di psicologia, prima con il loro smartphone in tasca, e poi senza, con la scusa che il bluetooth causava interferenze con le strumentazioni scientifiche.

i-Nostalgia. Durante il test ai 40 partecipanti sono stati misurati costantemente pressione e battito cardiaco. La separazione dai telefonini ha causato in molte delle cavie umane un aumento dei sintomi tipici dell’ansia, come aumento del battito e della pressione arteriosa. A questi sintomi si è associata anche una netta diminuzione dei risultati con i giochi: secondo Russel Clayton, uno dei ricercatori, «l’allontanamento dall’iPhone può portare a una perdita di autocoscienza e a uno stato di prostrazione psicologica».

Lo studio evidenzia quanto stiamo diventando sempre più dipendenti dalla tecnologia e come separarcene possa minare la nostra concentrazione durante lezioni, conferenze, riunioni o esami.

13 gennaio 2015 Rebecca Mantovani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

La vita, privata e politica, di Winston Churchill, il grande statista inglese che ha salvato il mondo dalla follia di Hitler. Il segreto della sua forza, le – non poche – debolezze, l'infanzia e i talenti dell'inquilino più famoso di Downing Street. E ancora: come nel 1021 il vichingo Leif Eriksson “scoprì” l'America; nella Vienna di Klimt; tutti gli inquilini del Quirinale; Tangentopoli e la fine della Prima Repubblica.

ABBONATI A 29,90€

Il lockdown e la rivoluzione digitale stanno cambiando il nostro modo di curarci. Ecco come gestire al meglio televisite e bit-terapie. Inoltre, gli impianti nucleari di nuova generazione; la prima missione del programma Artemis che ci riporterà sulla Luna; i vaccini e le infinite varianti del Coronavirus

ABBONATI A 31,90€
Follow us