Psicologia

Scomparirà la settimana di lavoro?

5 giorni di lavoro e 2 di riposo: la settimana dilavoro è organizzata così. Moltre aziende però stanno sperimentando un ritmo su base annuale. E i risultati sono positivi.

Scomparirà la settimana di lavoro?
5 giorni di lavoro e 2 di riposo: la settimana dilavoro è organizzata così. Moltre aziende però stanno sperimentando un ritmo su base annuale. E i risultati sono positivi.

Il lavoro è ora pianificato su base settimane; e se lo organizzassimo su base annua?
Il lavoro è ora pianificato su base settimane; e se lo organizzassimo su base annua?

In tutti i Paesi occidentali il lavoro è tradizionalmente organizzato su base settimanale. Si lavora "di meno" in Francia, con 35 ore, mentre all'estremo opposto c'è il Giappone, con 48 ore. In ogni caso però a una serie di 5 o 5,5 giorni, segue un riposo a scadenza fissa. Un gruppo di esperti dell'Economic and Social Research Council , un'istituto inglese che effettua ricerche in campo sociale ed economico ha però verificato l'applicabilità di un altro modello di lavoro, l'Ahc (Annualized hour contract), un sistema che prevede un'organizzazione ripartita su base annuale e non più settimanale.
Paghe più alte. L'Ahc prevede che i lavoratori dispongano di una serie di turni di lavoro calcolati nell'arco dell'anno. Fatto salvo il diritto a un periodo di vacanza, i turni possono variare nell'arco dell'anno. In questo modo per esempio, l'industria può affrontare picchi stagionali delle lavorazioni. Oppure ripartire nel migliore dei modi il lavoro su linee produttive che non prevedono interruzioni, proponendo turni di 12 ore per un totale di 156 giorni lavorati, al posto di una media di oltre 250. Un certo numero di ore "di riserva", possono poi essere rese disponibili nel caso fosse necessaria una ulteriore flessibilità. L'Ahc è stato già sperimentato da alcune aziende inglesi, come Bp Chemicals, Manchester airports, Samsung electronics, Zeneca. Con risultati positivi: la paga oraria è per esempio del 13 per cento superiore della media, e i costi dell'azienda relativi agli straordinari vengono invece ridotti.

(Notizia aggiornata al 25 settembre 2002)

25 settembre 2002
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us