Perché ci scaccoliamo il naso (soprattutto in auto)?

Infilarsi le dita nel naso è un comportamento (entro certi limiti!) normale: ecco perché accade e perché, spesso, proprio mentre siamo al volante.

nosepicking_among_smurfs
|Simplexvir / Wikimedia

A chi non è mai capitato, per esempio in macchina al semaforo, in attesa che scattasse il verde, di sorprendere l’automobilista vicino con le... dita nel sacco? Oppure, nella peggiore delle ipotesi, siamo stati noi stessi a essere colti in flagrante.

Niente paura, mettersi le dita nel naso è un comportamento comune, spesso compiuto in auto semplicemente perché serve a scaricare lo stress, di cui il traffico è notoriamente una fonte primaria.  

 

Un po' di moderazione! Uno studio pubblicato dal Journal of Clinical Psychiatry ha stimato che più del 95% della popolazione mondiale si infila le dita nel naso almeno quattro volte al giorno. Questa abitudine è persino “consigliata” dagli scienziati perché, oltre al sottile piacere che genera, è anche il miglior modo per tenere sempre pulite le narici. Se però si arriva a farlo più di venti volte al giorno, si rischia di vedere etichettata l’abitudine come “rinotillexomania”, una patologia compulsiva e autolesionistica risolvibile con l’aiuto di un bravo psicoterapeuta.

 

 

 

19 Giugno 2018 | Focus.it