Psicologia

Riconoscere il pianto di un neonato? Un superpotere da... papà

Distinguere il vagito del proprio neonato da quelli degli altri non è una prerogativa esclusivamente materna. Anche i padri ci riescono, se dedicano ai piccoli il tempo necessario.

Se vi chiedessero così, a bruciapelo, chi è più svelto e abile nel riconoscere il pianto del proprio bebè, puntereste sulle madri o sui padri? Molti di noi sceglierebbero le prime, ma a torto: una nuova ricerca sostiene che i papà - almeno quelli umani - sono bravi quanto le madri a distinguere i vagiti dei figli, a patto che trascorrano insieme ai piccoli altrettando tempo. Lo studio dell'Università di Saint-Etienne (Francia) è stato pubblicato su Nature Communications.

Anche i padri sincronizzano il proprio sonno su quello dei neonati (leggi)

I ricercatori hanno coinvolto 29 bebè, tutti di età inferiore ai 6 mesi, provenienti dalla Francia e dalla Repubblica Democratica del Congo, insieme ai rispettivi genitori. Il pianto dei bambini durante il bagnetto è stato registrato e sottoposto ai padri: ciascuno ha dovuto ascoltare una sequenza di 30 vagiti (24 di 8 altri neonati e 6 del proprio) e anche se ai ricercatori i pianti sembravano tutti uguali, i neopapà hanno identificato correttamente in media 5,4 su 6 dei pianti dei loro figli, commettendo 4,1 errori.

Quindi gli scienziati hanno verificato quanto tempo i genitori trascorressero con il figlio. Dei 14 padri che passavano in media 4 ore al giorno con i piccoli, 13 hanno azzeccato il pianto del proprio nel 98% dei casi (la stessa percentuale totalizzata dalle 29 madri, ognuna delle quali trascorreva un equivalente periodo di tempo con il figlio). I 13 papà meno presenti sono stati invece capaci di riconoscere i vagiti soltanto nel 75% dei casi.

Lo studio evidenzia che l'attitudine a fare i genitori non è una dote innata quanto, piuttosto, un'abilità che si affina con l'esperienza, e che mette padri e madri sullo stesso piano. La vera asimmetria tra partner è stata invece riscontrata nel tempo passato con i figli: mentre la totalità delle madri studiate ci trascorreva almeno 4 ore al giorno, solo la metà degli uomini ha totalizzato un equivalente ammontare di tempo insieme ai neonati.

L'amore accende negli uomini l'istinto paterno (forse)
Sai perché la paternità rende più intelligenti?
Perché i padri del mondo animale accudiscono i figli dei rivali?

23 aprile 2013 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

L’incredibile vita di Guglielmo Marconi, lo scienziato-imprenditore al quale dobbiamo Gps, Wi-Fi, Internet, telefonia mobile… Per i 150 anni della sua nascita, lo ricordiamo seguendolo nelle sue invenzioni ma anche attraverso i ricordi dei suoi eredi. E ancora: come ci si separava quando non c’era il divorzio; il massacro dei Tutsi da parte degli Hutu nel 1994; Marco De Paolis, il magistrato che per 15 anni ha indagato sui crimini dei nazisti; tutte le volte che le monarchie si sono salvate grazie alla reggenza.

ABBONATI A 29,90€

Nutritivo, dinamico, protettivo: il latte materno è un alimento speciale. E non solo quello umano. Molti mammiferi producono latte, con caratteristiche nutrizionali e di digeribilità diverse. Ma qual è il percorso evolutivo che ha portato alla caratteristica più "mammifera" di tutte? Inoltre, ICub è stato testato per interagire con bambini autistici; quali sono i rimedi tecnologi allo studio per disinnescare il pericolo di alluvioni; all’Irbim di Messina si studia come ripulire il mare dagli idrocarburi; la ricerca delle velocità più estreme per raggiungere lo spazio e per colpire in guerra; il cinguettio degli uccelli e ai suoi molteplici significati.

ABBONATI A 31,90€
Follow us