Riconoscere il pianto di un neonato? Un superpotere da... papà

Distinguere il vagito del proprio neonato da quelli degli altri non è una prerogativa esclusivamente materna. Anche i padri ci riescono, se dedicano ai piccoli il tempo necessario.

corbis_42-20902826
Riuscireste a sentire il suo pianto tra mille altri vagiti? Probabilmente siete dei padri molto presenti. Photo credit: © Vladimir Godnik/moodboard/Corbis

Se vi chiedessero così, a bruciapelo, chi è più svelto e abile nel riconoscere il pianto del proprio bebè, puntereste sulle madri o sui padri? Molti di noi sceglierebbero le prime, ma a torto: una nuova ricerca sostiene che i papà - almeno quelli umani - sono bravi quanto le madri a distinguere i vagiti dei figli, a patto che trascorrano insieme ai piccoli altrettando tempo. Lo studio dell'Università di Saint-Etienne (Francia) è stato pubblicato su Nature Communications.

Anche i padri sincronizzano il proprio sonno su quello dei neonati (leggi)

I ricercatori hanno coinvolto 29 bebè, tutti di età inferiore ai 6 mesi, provenienti dalla Francia e dalla Repubblica Democratica del Congo, insieme ai rispettivi genitori. Il pianto dei bambini durante il bagnetto è stato registrato e sottoposto ai padri: ciascuno ha dovuto ascoltare una sequenza di 30 vagiti (24 di 8 altri neonati e 6 del proprio) e anche se ai ricercatori i pianti sembravano tutti uguali, i neopapà hanno identificato correttamente in media 5,4 su 6 dei pianti dei loro figli, commettendo 4,1 errori.

Quindi gli scienziati hanno verificato quanto tempo i genitori trascorressero con il figlio. Dei 14 padri che passavano in media 4 ore al giorno con i piccoli, 13 hanno azzeccato il pianto del proprio nel 98% dei casi (la stessa percentuale totalizzata dalle 29 madri, ognuna delle quali trascorreva un equivalente periodo di tempo con il figlio). I 13 papà meno presenti sono stati invece capaci di riconoscere i vagiti soltanto nel 75% dei casi.

Lo studio evidenzia che l'attitudine a fare i genitori non è una dote innata quanto, piuttosto, un'abilità che si affina con l'esperienza, e che mette padri e madri sullo stesso piano. La vera asimmetria tra partner è stata invece riscontrata nel tempo passato con i figli: mentre la totalità delle madri studiate ci trascorreva almeno 4 ore al giorno, solo la metà degli uomini ha totalizzato un equivalente ammontare di tempo insieme ai neonati.

L'amore accende negli uomini l'istinto paterno (forse)
Sai perché la paternità rende più intelligenti?
Perché i padri del mondo animale accudiscono i figli dei rivali?

23 Aprile 2013 | Elisabetta Intini
Più letti di Comportamento
Perché stiamo insieme?
Più CONDIVISI di Comportamento
Perché stiamo insieme?