Psicologia

Quelle dormite che ripuliscono il cervello

Mentre noi riposiamo un'"impresa di pulizie" si occupa di spazzare via le sostanze di scarto accumulate nei tessuti cerebrali: una protezione contro malattie come l'Alzheimer.

"Non c'è come una buona dormita per rimettere a nuovo la mente": in questo adagio popolare c'è molta più scienza di quanto si possa pensare. Il cervello approfitta delle ore di sonno per fare le pulizie ed eliminare le sostanze di scarto - sottoprodotti dell'attività neurale - accumulate durante il giorno; sostanze che, se non scartate, possono alla lunga contribuire all'insorgenza di malattie neurologiche.

La scoperta, appena pubblicata su Science, si deve a Maiken Nedergaard del Centro di Neuromedicina dell'Università di Rochester (New York, USA).

Dormi abbastanza?

Sei sicuro di dedicare sufficienti ore alla pulizia del tuo cervello? Un test per scoprire se sei in debito di sonno.

Lo scopo del sonno è da sempre un argomento che appassiona gli scienziati: perché mai l'evoluzione avrebbe dovuto favorire uno stato di coscienza in cui tutte le specie sono potenzialmente vulnerabili ai predatori? Evidentemente dormire riveste un'importante funzione biologica. Ma quale?

Studi precedenti hanno evidenziato come il sonno serva a riorganizzare e consolidare i ricordi accumulati durante la veglia. Una risposta che non basta, tuttavia, a spiegare l'ingente consumo energetico del cervello anche nelle ore notturne.

Lo studio condotto sui topi (che hanno un sistema nervoso molto simile al nostro) con una particolare tecnica di analisi microscopica, ha evidenziato come, durante il sonno, il sistema glinfatico - il "netturbino" del cervello - pompi liquor (un fluido presente nel sistema nervoso centrale) nei tessuti cerebrali, lavandoli dalle proteine tossiche accumulate durante il giorno. Questi scarti vengono reimmessi nel sistema circolatorio e inviati, come il resto delle tossine del nostro corpo, al fegato per essere smaltiti.

Si tratta di un processo indispensabile: l'accumulo, per esempio, della beta amiloide, una di queste proteine, è correlato all'insorgenza della Malattia di Alzheimer. Il sistema di pulizie scoperto da Nedergaard è specifico del cervello, che è un ecosistema chiuso e rimane fuori dall'altro circuito ripulente del corpo umano, ossia il sistema linfatico.

Liberare il cervello dalle tossine richiede molta energia: ecco perché, ipotizzano i ricercatori, il dispendio energetico notturno del cervello non è molto inferiore a quello diurno. Ciò spiegherebbe anche perché questo processo avviene di notte, quando non stiamo processando attivamente informazioni: «Non puoi intrattenere gli ospiti e pulire casa contemporaneamente» spiega Nedergaard.

La ricerca fa emergere anche un'altra, sorprendente dinamica: durante il sonno, le cellule cerebrali si restringerebbero del 60% per permettere al liquor di penetrare in modo più capillare nel tessuto cerebrale e ripulirlo al meglio. A guidare l'operazione potrebbe essere la noradrenalina, un ormone che entra in gioco, generalmente, quando il cervello ha bisogno di essere estremamente vigile e che regolerebbe, in questo caso, la contrazione e l'espansione delle sue cellule.

Ti potrebbero interessare anche:

Le regole d'oro per combattere l'insonnia
Problemi di memoria? Mentre dormi, circondati di rose profumate
La scienza della pennichella: fa bene o no? E perché ne sentiamo il bisogno?
Cosa avviene quando ci addormentiamo? Un multimedia che lo spiega
Chi dorme non piglia... grassi

17 ottobre 2013 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us