Psicologia

Quel vestito appare diverso se fai tardi la sera

Ricordate la foto di "The Dress", quell'abito che qualcuno vedeva blu e nero, qualcun altro bianco e oro? Ora c'è una nuova teoria sul perché delle diverse percezioni.

Di che colore è il vestito nella foto qui sopra? Il dilemma che un paio di anni fa fece impazzire il web si arricchisce di una nuova, curiosa spiegazione. Quando questo scatto divenne virale, alcuni percepivano le righe dell'abito come blu e nere, altri come bianche e oro (salvo alcune "scuole di pensiero" intermedie).

In realtà, il vestito era blu e nero, ma la foto sovraesposta portava a diverse interpretazioni sull'illuminazione dell'abito, e quindi a diverse conclusioni sul colore.

La nostra percezione del colore dipende dalla luce. © Photo via The New York Times

A che ora ti svegli? Per Pascal Wallisch, un neuroscienziato della New York University, la diversa visione della stoffa è legata anche ai ritmi circadiani di ciascuno.

I "gufi", cioè coloro che restano alzati fino a tardi e fanno quindi largo consumo di luce elettrica, sono più propensi a immaginare l'abito come illuminato artificialmente: per queste persone il vestito è tendenzialmente blu e nero, come rivela un sondaggio che il ricercatore ha compiuto online su circa 13 mila utenti, ai quali ha chiesto anche quando di solito andavano a dormire.

Oro come il sole. Le "allodole", cioè i mattinieri, quelli che si svegliano presto e vanno a letto quando fa buio, tendono a immaginare il vestito come illuminato da luce naturale, e momentaneamente in ombra nell'istante della foto. Per queste persone l'abito è, nella maggior parte dei casi, bianco e oro. Chi invece non lo vede in nessuno dei due modi, oppure cambia parere a giorni alterni, non è né prettamente gufo né allodola. Se è reduce da molte ore di luce artificiale potrebbe vederlo in un modo, dopo un bagno di sole in un altro.

24 aprile 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cent'anni fa, la scoperta del secolo: la tomba di Tutankhamon – l'unica ritrovata intatta nella Valle dei Re - svelò i suoi tesori riempendo di meraviglia gli occhi di Howard Carter prima, del mondo intero poi. Alle sepolture più spettacolari di ogni epoca è dedicato il primo piano di Focus Storia. E ancora: la guerra di Rachel Carson, la scienziata-scrittrice pioniera dell'ambientalismo; i ragazzi italiani assoldati nella Legione Straniera e mandati a morire in Indocina; Luigi Ferri, uno dei pochi bambini sopravvissuti ad Auschwitz, dopo lunghi anni di silenzio, si racconta.

ABBONATI A 29,90€

L'amore ha una scadenza? La scienza indaga: l’innamoramento può proseguire per tre anni. Ma la fase successiva (se ci si arriva) può continuare anche tutta la vita. E l'AI può dirci quanto. E ancora, Covid: siamo nel passaggio dalla fase di pandemia a quella endemica; le storie geologiche delle nostre spiagge; i nuovi progetti per proteggere le aree marine; tutti i numeri dei ghiacciai del mondo che stanno fondendo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us