Psicologia

Quel vestito appare diverso se fai tardi la sera

Ricordate la foto di "The Dress", quell'abito che qualcuno vedeva blu e nero, qualcun altro bianco e oro? Ora c'è una nuova teoria sul perché delle diverse percezioni.

Di che colore è il vestito nella foto qui sopra? Il dilemma che un paio di anni fa fece impazzire il web si arricchisce di una nuova, curiosa spiegazione. Quando questo scatto divenne virale, alcuni percepivano le righe dell'abito come blu e nere, altri come bianche e oro (salvo alcune "scuole di pensiero" intermedie).

In realtà, il vestito era blu e nero, ma la foto sovraesposta portava a diverse interpretazioni sull'illuminazione dell'abito, e quindi a diverse conclusioni sul colore.

La nostra percezione del colore dipende dalla luce. © Photo via The New York Times

A che ora ti svegli? Per Pascal Wallisch, un neuroscienziato della New York University, la diversa visione della stoffa è legata anche ai ritmi circadiani di ciascuno.

I "gufi", cioè coloro che restano alzati fino a tardi e fanno quindi largo consumo di luce elettrica, sono più propensi a immaginare l'abito come illuminato artificialmente: per queste persone il vestito è tendenzialmente blu e nero, come rivela un sondaggio che il ricercatore ha compiuto online su circa 13 mila utenti, ai quali ha chiesto anche quando di solito andavano a dormire.

Oro come il sole. Le "allodole", cioè i mattinieri, quelli che si svegliano presto e vanno a letto quando fa buio, tendono a immaginare il vestito come illuminato da luce naturale, e momentaneamente in ombra nell'istante della foto. Per queste persone l'abito è, nella maggior parte dei casi, bianco e oro. Chi invece non lo vede in nessuno dei due modi, oppure cambia parere a giorni alterni, non è né prettamente gufo né allodola. Se è reduce da molte ore di luce artificiale potrebbe vederlo in un modo, dopo un bagno di sole in un altro.

24 aprile 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us