Psicologia

Quel vestito appare diverso se fai tardi la sera

Ricordate la foto di "The Dress", quell'abito che qualcuno vedeva blu e nero, qualcun altro bianco e oro? Ora c'è una nuova teoria sul perché delle diverse percezioni.

Di che colore è il vestito nella foto qui sopra? Il dilemma che un paio di anni fa fece impazzire il web si arricchisce di una nuova, curiosa spiegazione. Quando questo scatto divenne virale, alcuni percepivano le righe dell'abito come blu e nere, altri come bianche e oro (salvo alcune "scuole di pensiero" intermedie).

In realtà, il vestito era blu e nero, ma la foto sovraesposta portava a diverse interpretazioni sull'illuminazione dell'abito, e quindi a diverse conclusioni sul colore.

La nostra percezione del colore dipende dalla luce. © Photo via The New York Times

A che ora ti svegli? Per Pascal Wallisch, un neuroscienziato della New York University, la diversa visione della stoffa è legata anche ai ritmi circadiani di ciascuno.

I "gufi", cioè coloro che restano alzati fino a tardi e fanno quindi largo consumo di luce elettrica, sono più propensi a immaginare l'abito come illuminato artificialmente: per queste persone il vestito è tendenzialmente blu e nero, come rivela un sondaggio che il ricercatore ha compiuto online su circa 13 mila utenti, ai quali ha chiesto anche quando di solito andavano a dormire.

Oro come il sole. Le "allodole", cioè i mattinieri, quelli che si svegliano presto e vanno a letto quando fa buio, tendono a immaginare il vestito come illuminato da luce naturale, e momentaneamente in ombra nell'istante della foto. Per queste persone l'abito è, nella maggior parte dei casi, bianco e oro. Chi invece non lo vede in nessuno dei due modi, oppure cambia parere a giorni alterni, non è né prettamente gufo né allodola. Se è reduce da molte ore di luce artificiale potrebbe vederlo in un modo, dopo un bagno di sole in un altro.

24 aprile 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us