Psicologia

Quando i bambini imparano "non è giusto!"

A otto anni tutti i bambini hanno già sviluppato il senso di ciò che è "equo". Ma secondo uno studio che ha coinvolto 800 bambini in sette paesi,  ci sono anche notevoli differenze a seconda delle società in cui sono cresciuti.

“Non è giusto!” è una protesta che risuona spessissimo nelle liti tra compagni di gioco. E come i ricercatori ben sanno, il concetto di “equità”, inteso come onesta ripartizione delle risorse, ha una sua tipica evoluzione.

A tre anni di solito un bambino è quasi completamente egoista (e quelli con fratelli lo sono più dei figli unici), e rifiuta di dar via una caramella anche se non fa alcuna differenza per lui. A otto anni compie spesso una scelta ugualitaria, decidendo per esempio di dividere in parti uguali un premio piuttosto che tenerlo tutto per sé.

Ma questa evoluzione è uguale ovunque, o è influenzata da fattori culturali? Per scoprirlo, un gruppo di ricercatori ha realizzato un esperimento che ha coinvolto bambini in sette paesi: Stati Uniti, Canada, Messico, Perù, India, Senegal e Uganda.

La macchina delle caramelle. Più di 800 coppie di bambini tra i 4 e 15 anni sono stati posti di fronte a un distributore di dolciumi così concepito: uno dei due, il decisore, aveva in mano una leva verde e una rossa, e doveva decidere quale spingere per accettare o rifiutare un’offerta di pepite di cioccolato poste su un piatto, a diverse condizioni. Qualche volta le offerte erano eque, e davano a ciascuno dei due bambini lo stesso numero di dolci; altre volte inique: a uno ne toccavano quattro e all’altro solo uno.

Se il decisore accettava l’offerta, spingeva la leva verde e le caramelle andavano a finire in una ciotola da cui ciascuno dei due poteva prendere le proprie; se la rifiutava, finivano in un contenitore inaccessibile a entrambi.

Uguali e diversi. I bambini di tutti i paesi, a età variabili, hanno respinto le offerte ingiuste più di quelle eque, a dimostrazione, come era già emerso anche in altre ricerche, che l’avversione verso l’iniquità è una componente chiave del senso di giustizia che si sviluppa a partire dall’infanzia.

Questo studio ha però aggiunto alcuni dettagli, studiando società diverse da quelle occidentali industrializzate. Negli Stati Uniti e Canada, per esempio, già verso i 4-6 anni i bambini hanno iniziato a rifiutare offerte che davano un vantaggio al compagno, mentre in Messico solo verso i 10.

La nuova ricerca, pubblicata su Nature, ha messo in luce anche un altro risvolto inedito: i bambini di tre dei Paesi - Stati Uniti, Canada e Uganda - hanno anche rifiutato le offerte in cui erano loro stessi a ricevere più caramelle del compagno. A compiere il gesto altruista sono stati solo i bambini più grandi, e solo quelli di questi tre paesi, a dimostrazione che nella costruzione di questo senso di giustizia sono all’opera anche forti componenti culturali.

Che cosa significa? Le interpretazioni dell'esperimento sono aperte: queste società danno maggiore importanza a quello che gli altri pensano di noi? E dunque i bambini che rifiutano un vantaggio per se stessi vogliono apparire come buoni compagni? Questo è ancora tutto da capire.

24 novembre 2015 Chiara Palmerini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us