Psicologia

L'antidoto agli individualismi: l'empatia

Tra il muro-scudo ungherese anti migranti e gli annunci dei danesi sui quotidiani in lingua araba ("non venite in Danimarca!"), una sorprendente iniziativa inglese invita a mettersi nei panni degli altri. Per davvero.

Empatia, questa sconosciuta. Eppure, comprendere i processi psichici dell'altro o, più semplicemente, "sentire" che cosa provano gli altri mettendosi - metaforicamente - nei loro panni è una chiave per vivere meglio con le persone del nostro mondo e, oggi più che mai, per entrare in contatto con quell'universo di culture che la globalizzazione dell'economia ha imposto.

Anche con chi "entra in contatto" in situazioni estreme, com'è il caso dell'imponente ondata di profughi di questo periodo. «La nostra incapacità di capire il punto di vista degli altri, le loro esperienze e i loro sentimenti sono alla base del pregiudizio, del conflitto e della disuguaglianza: l'empatia è l'antidoto di cui abbiamo bisogno», sostiene l'autore del best seller Emphaty, l'inglese Roman Krznaric.

Proprio dagli inglesi arriva un originale invito: sulla riva del Tamigi, una performance - A Mile in My Shoes - invita a calzare le scarpe di un'altra persona e ad ascoltare la sua vita in cuffia, interpretando alla lettera il detto (inglese) "prima di giudicare qualcuno, cammina un miglio con le sue scarpe". Un'esortazione a esercitare l'empatia senza farsi travolgere dall'emozione.

Laura Boella, docente di Filosofia morale alla Statale di Milano, lo ha definito con esattezza in una intervista: «La tesi che emerge dagli studi sui circuiti neuronali sostiene che l'empatia è un'esperienza molto complessa, non riconducibile solo a una risposta emotiva automatica. La risposta emotiva è un fuoco di paglia: possiamo essere colpiti dal dolore di una persona accanto a noi, ma affinché il proprio disagio diventi attenzione per l'altro è importante l'intervento delle capacità cognitive, che significa per esempio l'immaginare la vita altrui e comprenderla. Insomma, bisogna lavorarci un po' su, mettendosi in gioco».

9 settembre 2015 Sabina Berra
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Oggi il presidente ucraino Zelensky, ieri l'imperatore Claudio, la contessa-guerriera Caterina Sforza, il sindacalista Lech Walesa, il sovrano Giorgio VI... Tutti leader per caso (o per forza) che le circostanze hanno spinto a mettersi in gioco per cambiare il corso della Storia. E ancora: nella Urbino di Federico da Montefeltro, un grande protagonista del Rinascimento; 30 anni fa, la morte di Giovanni Falcone a Capaci; lo scandalo Watergate che costrinse il presidente Nixon alle dimissioni; i misteri, mai risolti, attorno all'omicidio di Giovanni Borgia.

ABBONATI A 29,90€

Il mare è vita eppure lo stiamo sfruttando e inquinando rischiando il collasso dell’ecosistema globale. Per salvarlo dobbiamo intervenire. Come? Inoltre: perché è difficile prendere decisioni; esiste l'archivio globale dei volti; come interagire con complottisti e negazionisti; perché i traumi di guerra sono psicologicamente pesanti.

ABBONATI A 31,90€
Follow us