Psicologia

Perché leggiamo prima le brutte notizie e (solo) dopo anche quelle buone?

Siamo naturalmente più attratti da fatti di cronaca negativi come calamità naturali, crimini o incidenti. Ma dimenticare le brutte notizie è difficile.

Quando leggiamo le notizie sul giornale o sul web, siamo poco attratti da quelle buone. Al contrario, siamo naturalmente propensi a leggere le brutte notizie, tipo quelle di calamità naturali, di crimini oppure di incidenti. E poi, siamo anche più propensi a condividerli con gli altri.

Lo ha dimostrato uno studio condotto alla canadese McGill University, in cui i ricercatori hanno utilizzato la tecnologia di tracciamento oculare per studiare a quali articoli le persone erano più sensibili. Questa attenzione selettiva è emersa in tutti i volontari coinvolti dai ricercatori che hanno esaminato le scelte di lettori di ben 17 differenti Paesi, posti in tutti i continenti. 

Pregiudizio negativo. Ma non basta: ciò che leggiamo e vediamo in tv, a sua volta, può accrescere il nostro pregiudizio negativo. Per esempio, molti temono il terrorismo anche se «il numero di persone uccise da gruppi armati di questo tipo negli ultimi 20 anni negli Stati Uniti è inferiore al numero di americani morti nello stesso periodo nelle loro vasche da bagno», esemplificano gli psicologi sociali John Tierney e Roy Baumeister.

Del resto, concentrarsi prima sui problemi che sulle buone notizie ha molti vantaggi, come evitare ulteriori perdite, per esempio. Ma secondo Baumeister, occorrono almeno quattro notizie positive per farcene dimenticare una sola negativa.

22 giugno 2023 Raffaella Procenzano
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us