Psicologia

Ecco perché una canzone ci ritorna sempre in mente (e i trucchi per liberarsene)

Se una canzone vi "tormenta" non è solo questione di cantanti e musicisti preferiti ma di dinamiche psicologiche che sono state decifrate. Eccole.

Sarà capitato anche a voi di avere una musica in testa. Magari è una canzone ascoltata la sera prima, e una sola volta, al Festival di Sanremo, oppure è una hit trasmessa in radio in continuazione: si conficca in testa come un tarlo e da lì si fa (ri)sentire con una certa frequenza. È l'effetto di un earworm (letteralmente: verme dell'orecchio), detto anche Mir (Musical imagery repetition: ripetizione di immagini musicali): un motivo che ci torna in mente indipendentemente dalla nostra volontà.

Una canzone per la testa. Secondo le statistiche, oltre il 90% delle persone è preda di un tarlo sonoro almeno una volta la settimana, per 15-30 secondi. Capita alle donne più che agli uomini: meno agli anziani che ai giovani; in misura maggiore alle persone ossessivo-compulsive e, secondo alcuni studi, di più ai mancini. Ma solo nel circa 15% dei casi il fenomeno diventa particolarmente invadente. Per quanto un tratto tipico di tutti gli earworm sia la loro struttura ripetiviva, «a restare impressi, in genere, sono i frammenti di un brano, non un intero pezzo», spiega Elizabeth Hellmuth Margulis, a capo del Music Cognition Lab dell'Università di Princeton. Le canzoni ascoltate di recente ritornano più facilmente di quelle vecchie, quelle con un testo più della musica strumentale (che ossessiona in meno dell'8% dei casi) e la musica live più di quella registrata.

i trucchi per liberarsi del motivetto. Ma una volta che siamo preda del baco, come ce ne liberiamo? Paradossalmente un buon rimedio può essere ascoltare il brano incriminato per intero. Infatti, secondo alcuni esperti, quando la mente non ricorda come prosegue una canzone, "riavvolge il nastro" fino alla parte che conosciamo, continuando a ripetersi. Avviene per il cosiddetto "effetto Zeigarnik", dal nome della psicologa lituana Bluma Zeigarnik, che ha scoperto che ricordiamo le azioni incompiute o interrotte con maggio facilità rispetto a quelle completate: ascoltare il pezzo per intero, dunque, annullerebbe gli inceppamenti continui.

Un'alternativa sta nel trovare una canzone "antidoto", che metta in secondo piano l'earworm. Pare che l'inno del Regno Unito, GoSave The Queen, funzioni particolarmente bene, al pari di Karma Chameleon dei Culture Club. Terzo rimedio: masticare un chewing gum. Un articolo su Quarterly Journal of experimental psicology mostra che la masticazione riduce i pensieri musicali indesiderati, interessando la memoria a breve termine, come fa una parola a caso che viene ripetuta più volte.

Quarto: fare un'attività che richieda un certo impegno, come un cruciverba, perché i tarli si manifestano durante gli stati di bassa attenzione.

E poi, come forma di prevenzione, occorrerebbe evitare di ascoltare musica prima di dormire: per quanto alcune ricerche suggeriscano che la musica distragga dai pensieri negativi, aiutando così a prendere sonno, secondo altri studi aumenterebbe il rischio di svegliarsi di notte con un motivetto in testa.

Ma il punto è proprio questo: perché "ci fissiamo" con un brano? Una prima ipotesi è che i bachi siano utili a un tipo di memoria, detta audio-eidetica, in cui la musica ci aiuta a ricordare gli avvenimenti cui è legata: in questi casi la sequenza di note attiva una regione del cervello, la corteccia uditiva primaria sinistra, che è associata all'udito e che si mobilita perfino quando semplicemente pensiamo a una canzone.

I ricordi e la memoria. Un esperimento pubblicato nel 2021 dal Journal of Experimental Psychology pare confermare che le canzoni "tarlo" aiutino il radicamento dei ricordi. Quando ai soggetti esaminati è stato chiesto di ricordare i dettagli di alcuni filmati visti insieme a brani già ascoltati in precedenza, ne è emerso che quelli che ricordavano meglio i brani ricordavano anche più elementi visivi. Il che suggerirebbe il fatto che le nostre menti usino l'associazione mentale tra un brano e un'immagine non tanto per fissare nella memoria un ricordo quanto per recuperarne i relativi dettagli.

Ecco perché i motivetti ci tornano in testa quando abbiamo visto o sentito qualcosa associato a un dato ricordo. Magari la prima volta che abbiamo guidato, la radio trasmetteva Azzurro di Adriano Celentano e quel brano ci torna in testa quando ci capita di incrociare per caso un'autovettura simile alla nostra vecchia auto. Perciò, anche se «di solito pensiamo ai tarli come a un fastidio, in realtà si tratta di una forma di consolidamento mnemonico che aiuta a preservare le esperienze più o meno recenti», precisa Benjamin Kubit, neuroscienziato all'Università di Davis in California, coautore dello studio.

Cantando sotto la doccia. Una seconda ipotesi sul perché abbiamo queste allucinazioni sonore è che i bachi funzionino come uno screensaver, un riempitivo musicale che tiene la mente in stand-by. «Dunque a un regime minimo di attività cerebrale e cognitiva» spiega Lauren Stewart, ricercatrice dell'Università Goldsmiths di Londra. Non a caso, i motivetti ci spuntano in testa quando siamo sotto la doccia o camminiamo.

Ma si presentano anche quando siamo mentalmente troppo sotto pressione, "abbassando i giri", sostiene Ira Hyman, docente di psicologia all'Università diWashington.

Per silenziare il juke box interno, insomma, dobbiamo trovare un equilibrio: non essere né troppo rilassati, né troppo impegnati. In realtà gli esperti non escludono neppure che gli earworm siano sempre presenti nel nostro cervello, ma forse siamo troppo occupati a fare altre cose per accorgercene. Li notiamo, cioè, solo quando la mente gira... a vuoto.

Ritmo e umore. E ancora: nel 2015 il neuroscienziato canadese Steven Brown, a sua volta soggetto ad "attacchi di tarli", ha ipotizzato una variante di questa interpretazione: i tarli svolgerebbero un ruolo chiave non tanto nel mantenere acceso il cervello quanto nello stabilizzare il nostro stato di coscienza. La sua teoria è supportata da uno studio che mostra come il ritmo delle canzoni che ci tornano in mente impatti sul nostro umore o sul livello di eccitazione. Ma il legame non è univoco: può essere un motivo a suscitare uno stato d'animo o il secondo a evocare il primo.

Accadde per esempio nel 1985 all'alpinista Joe Simpson: rimase bloccato in un crepaccio sulla Siula Grande (6.536 metri) nelle Ande peruviane. Eppure, come riportato nell'autobiografia La morte sospesa (da cui l'omonimo film), seppur ferito e con un principio di congelamento agli arti, Simpson riuscì a trascinarsi fino al campo base ritrovando lì il compagno che lo credeva morto. Per tutto il tempo del tragitto, Simpson sentiva risuonargli nella mente Brown Girl in the Ring di Boney M., una canzone che odiava. «Questo dettaglio suggerisce che la musica interiore abbia il potere di modulare il nostro stato di eccitazione e che in una situazione estrema non importa se la melodia non è in linea con i gusti personali», sigla la dottoressa Lauren Stewart. «L'importante è che il ritmo aumenti lo stato di veglia e la capacità di reagire nel momento del bisogno».

Tratto da Bloc note di Elisa Venco (Focus 347, settembre 2021). Perché non ti abboni? 

7 febbraio 2023
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us