Speciale
Domande e Risposte
Psicologia

Perché se siamo confusi ci grattiamo la testa?

Ansia e stress possono provocare un po' di confusione, e viene spontaneo darci una grattatina in testa. La scienza spiega perché lo facciamo e a che cosa ci serve.

Una "grattatina" in testa ha sempre il suo perché anche quando forfora o pidocchi non c'entrano affatto. Arriva spontanea, la grattatina, anche quando siamo un po' confusi oppure quando dei dubbi ci assalgono. Come scrive Joe Navarro, psicologo esperto di comunicazione non verbale nel suo The Dictionary of Body Language, quando siamo sotto stress il nostro cervello ha bisogno del contatto fra le mani e il corpo: massaggiarci le tempie, sfregarci la fronte o grattarci la testa sono quindi gesti che servono a calmarci in presenza di stimoli limbici negativi, come paura o nervosismo.

mi difendo così. Ma grattarsi potrebbe anche rappresentare un efficace sistema di difesa: gli scienziati dell'Università di Portsmouth, nel Regno Unito, studiando il comportamento di 45 macachi rhesus (Macaca mulatta) hanno notato come gli animali si grattassero di più in momenti di stress, davanti a scimmie di gerarchia più alta o a estranei minacciosi.
 
Inoltre i ricercatori hanno scoperto anche che le scimmie che si grattavano avevano meno probabilità di essere attaccate: secondo lo studio pubblicato su Scientific Reports, infatti, un aggressore può rinunciare ad attaccare un individuo evidentemente stressato, ritenendolo imprevedibile oppure innocuo. L'assalto potrebbe quindi rivelarsi troppo rischioso o, al contrario, non necessario.

Questo articolo di Roberto Mammì è tratto da Focus D&R 68 (marzo 2021).

È in edicola il nuovo Focus Domande & Risposte!

20 marzo 2021
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us