Psicologia

Perché se sei impegnato il tempo scorre in fretta?

L'avete mai notato? Non è solo una questione di noia, ma un effetto psicologico che c'entra con la sensazione di avere il controllo sull'azione che stiamo compiendo.

Ce ne accorgiamo di continuo: alcune attese, come quella del tram o della fine di una riunione, sembrano non finire mai, mentre in altri momenti - una cena con gli amici, un concerto - il tempo scorre al doppio della velocità. Perché questa diversa percezione?

Non è soltanto una questione di noia. C'è una ragione più sottile: quando conosciamo la causa di un evento o siamo stati noi stessi a causarlo, le sue conseguenze sembrano arrivare più velocemente di quando non abbiamo il controllo della situazione. Il fenomeno, noto come temporal binding (associazione temporale) è descritto in un articolo su The Conversation.

Effetto ravvicinato. Patrick Haggard e i colleghi neuropsicologi dell'University College London l'hanno osservato in un esperimento in cui chiedevano ad alcuni volontari di premere un bottone che attivava, qualche istante più tardi, un suono. Quando erano i soggetti a schiacciare il pulsante, il suono sembrava arrivare prima di quando l'ingranaggio era attivato da altri. Lo stesso effetto non c'era se il bottone era attivato, per esempio, da impulsi involontari.

In un lampo. I ricercatori chiamarono il fenomeno intentional binding, perché apparentemente legato alla volontà del soggetto. Questo meccanismo fa in modo che, quando siamo padroni delle nostre azioni, la causa dell'evento paia spostata in là, verso la sua conseguenza, e la conseguenza sembri avvicinarsi temporalmente alla causa. Il tempo tra le due sembra quindi restringersi.

"Non dipende da me". L'intentional binding è stato spesso usato come modo per stimare quanto una persona si senta responsabile delle proprie azioni. Recentemente, per esempio, è stato applicato all'esperimento di Milgram (quello in cui si chiede a un volontario di somministrare una - finta - scarica elettrica a un altro soggetto, per testare la sua disponibilità ad obbedire). Quando i partecipanti erano obbligati a dare la scarica, il tempo tra il comando e lo shock è parso dilatato.

Poiché la dilatazione del tempo è associata - per il fenomeno dell'intentional binding - a un minore controllo delle proprie azioni, i ricercatori hanno concluso che i soggetti si sentivano sollevati dalle proprie responsabilità, nell'eseguire il comando (e per questo non esitavano a infliggere una scossa).

Percezioni distorte. Il temporal binding è anche usato per studiare alcune condizioni mediche. Chi soffre di schizofrenia lo sperimenta in modo più netto, come se sentisse di poter controllare tutte le situazioni (anche quelle di cui non ha il controllo).

Una forma di apprendimento. Recenti ricerche tendono tuttavia a legare il fenomeno al concetto di causa effetto, più che a quello di controllo.

Per Marc Buehner, dell'Università di Cardiff (Regno Unito), il temporal binding interviene quando capiamo che un'azione ne causa un'altra, e non tanto quando ci sentiamo in controllo di un evento.

In base a questo approccio, il temporal binding potrebbe avere a che fare con il modo in cui impariamo dal mondo. Forse tendiamo a dividere ciò che vediamo in una sequenza di avvenimenti causa-effetto, per spiegarlo più facilmente. Per testare l'ipotesi si sta ora guardando ai bambini: può darsi che in piena fase di apprendimento questo fenomeno sia più marcato.

7 luglio 2016 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us