Psicologia

Perché i film tristi ci piacciono così tanto?

Un recente studio spiega perchè siamo così tanto affascinati dai film e dalle opere letterarie drammatiche.

Il miglio verde, Il bambino con il pigiama a righe, Io e Marley sono probabilmente alcuni dei film più commoventi mai prodotti, e hanno riscosso grandi successi di pubblico e di critica. Perché i film strappalacrime piacciono così tanto?

Una possibile spiegazione la dà il professor Robin Dubar dell’università di Oxford: secondo il ricercatore le opere drammatiche hanno il potere di indurre il nostro cervello a produrre endorfine, ossia quelle sostanze chimiche che riducono la sensazione di dolore e aumentano il benessere.

Ricerca dolorosa. Lo studio è stato condotto misurando la soglia di sopportazione del dolore su due gruppi di volontari. I ricercatori hanno chiesto ai partecipanti di poggiare la schiena contro un muro e di rilassarsi e cercando di trovare una posizione comoda, come se fossero seduti.

Hanno poi diviso le cavie umane in due gruppi: al primo hanno mostrato Stuart: A life backwards, un film drammatico che narra le vicende di un senzatetto reduce da un’infanzia travagliata. Al secondo gruppo hanno invece fatto vedere un documentario naturalistico.

Soffriamo insieme. I ricercatori hanno quindi misurato la resistenza dei soggetti alla posizione oggettivamente scomoda, scoprendo che quelli del primo gruppo non solo mostravano una soglia del dolore più alta, ma erano emotivamente più coinvolti e legati alla sorte degli altri partecipanti alla prova.

Secondo Dubar e colleghi questi effetti dei film drammatici sulla nostra emotività e sulle nostre sensazioni non sono solo il risultato di una serie di reazioni chimiche: il nostro cervello è un sistema complesso e in questo meccanismo entrano in gioco diversi fattori.


Sembra perciò che, ogni tanto, guardare con chi ci sta a cuore un bel dramma possa rafforzare il legame e contribuire al nostro benessere.

25 settembre 2016 Rebecca Mantovani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us