Psicologia

Perché gli uomini piangono meno delle donne?

Piangi che ti passa, si dice. Eppure gli uomini piangono poco. Non soltanto per motivi culturali, ma anche biologici.

Lacrime di dolore, di paura, di rabbia o commozione. A volte anche di gioia. Piangere, dicono gli studi, fa bene: è uno sfogo che scarica tensione: l'importante è che non duri troppo. Anche in questo caso, è evidente una differenza comportamentale tra uomini e donne: gli uomini piangono decisamente di meno. Secondo uno studio dell'Università di Pittsburgh, in media cinque volte meno. 

Piangi che ti passa. Perché? Le motivazioni per cui i maschi sono poco inclini a commuoversi sono scientifiche e culturali. Dal punto di vista biologico, l'ormone testosterone, tipico degli individui di sesso maschile, può inibire il pianto, mentre la prolattina, presente in livelli più alti nelle donne, può al contrario facilitarlo.

Gli uomini ricchi piangono di più. Inoltre, è piuttosto evidente che a limitare i maschi dall'esprimere emozioni è il contesto sociale nel quale le lacrime sono considerate poco virili: in molte culture il pianto maschile è considerato un forte segno di debolezza. Eppure, questo tabù era assente in epoche storiche passate: nell'antichità, per esempio, il pianto maschile era considerato un sintomo di nobiltà d'animo, tanto che eroi, guerrieri e personaggi illustri si commuovevano spesso senza vergognarsi.

Differenze sessuali a parte, analizzando i dati di 37 Paesi del mondo, una ricerca pubblicata sulla rivista Cross Cultural Research ha rivelato che, malgrado il grado di benessere economico, si piange molto di più nelle nazioni ricche. E altri studi provano che, prima dell'adolescenza, bambini e bambine piangono in egual misura fin da piccolissimi.

7 ottobre 2023 Massimo Manzo
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

La smisurata ambizione di Napoleone trasformò l’Europa in un enorme campo di battaglia e fece tremare tutte le monarchie dell’epoca. Per molti era un idolo, per altri un tiranno sanguinario. E oggi la sua figura continua a essere oggetto di dibattito fra storici e intellettuali. E ancora: tra lasciti stravaganti e vendette "postume", i testamenti di alcuni grandi personaggi del passato che fecero litigare gli eredi; le bizzarre toilette con cui l’aristocrazia francese del Settecento si "faceva bella" agli occhi del mondo; nelle scuole residenziali indiane, i collegi-lager dove venivano rinchiusi i bambini nativi americani, per convertirli e "civilizzarli"; Dio, patria e famiglia nelle cartoline natalizie della Grande guerra.

ABBONATI A 29,90€

Il corpo va tenuto in forma, ma le sue esigenze cambiano nel corso della vita. Quale sport è meglio fare con gli anni che passano? E quali sono le regole di alimentazione per uno sportivo? E ancora: il primo modello numerico completo che permette di simulare il nostro cuore; perché i velivoli senza pilota stanno assumendo un ruolo fondamentale in guerra; l’impatto che l'Intelligenza artificiale avrà sull’economia e sulla società; tutto quello che si ottiene avendo pazienza.

ABBONATI A 31,90€
Follow us