Psicologia

Perché è difficile parlare con qualcuno guardandolo negli occhi?

Quando parli con qualcuno tendi spesso a non guardarlo diritto negli occhi? Ebbene, la timidezza non c'entra. C'è invece una spiegazione scientifica, che parte dal cervello.

Se quando parli con qualcuno tendi a distogliere lo sguardo perché proprio non riesci a fissarlo negli occhi, la timidezza non c'entra. Secondo una ricerca giapponese c'è invece un'altra spiegazione, scientifica: un sovraccarico del sistema cognitivo. In pratica, il cervello riceve troppe informazioni per scegliere su quale focalizzare l'attenzione.

La scelta del cervello. È questa l’ipotesi avanzata in uno studio condotto da Shogo Kajimura dell’Università di Kyoto e pubblicato sulla rivista Cognition. Secondo lo studioso, distogliere lo sguardo dal proprio interlocutore o il non riuscire a guardarlo negli occhi mentre si parla non sarebbe dovuto a una forma di timidezza, ma deriverebbe dal fatto che la conversazione e il contatto visivo attingono alle stesse risorse cognitive, costringendo così il cervello a scegliere tra una cosa e l’altra.

Parole e sguardi. Per dimostrare la sua tesi Kajimura ha sottoposto alcuni volontari a un test nel quale dovevano associare alcune parole a altri termini, mentre guardavano volti generati dal computer oppure distogliendo lo sguardo dagli stessi. È emerso che le maggiori difficoltà ad associare le parole si verificavano proprio durante il contatto visivo diretto. «Da queste esitazioni», ha concluso lo scienziato, «abbiamo dedotto che il cervello stesse maneggiando troppe informazioni nello stesso momento.»

29 novembre 2018 Focus.it
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Settant’anni fa agli italiani arrivò un regalo inaspettato: la televisione. Quell’apparecchio – che pochi potevano comprare e quindi si vedeva tutti insieme – portò con sè altri doni: una lingua in comune, l’intrattenimento garantito, le informazioni da tutto il mondo. Una vera rivoluzione culturale e sociale di cui la Rai fu indiscussa protagonista. E ancora: i primi passi della Nato; i gemelli nel mito e nella società; la vita travagliata, e la morte misteriosa, di Andrea Palladio; quando, come e perché è nato il razzismo; la routine di bellezza delle antiche romane.

ABBONATI A 29,90€

I gemelli digitali della Terra serviranno a simularne il futuro indicando gli interventi più adatti per prevenirne i rischi ambientali. E ancora, le due facce dell’aggressività nella storia dell’evoluzione umana; com’è la vita di una persona che soffre di balbuzie; tutti gli strumenti che usiamo per ascoltare le invisibili onde gravitazionali che vengono dall’alba dell’universo; le pillole intelligenti" che dispensano farmaci e monitorano la salute del corpo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us