Psicologia

Perché al ritorno la strada è sempre più breve

Anche a voi i viaggi di andata sembrano sempre più lunghi di quelli di rientro? La spiegazione scientifica di un'illusione piuttosto diffusa (soprattutto durante il periodo estivo).

Capita un po' a tutti, sia durante la partenza in grande stile per le vacanze, sia nei brevi weekend fuori porta: il viaggio di ritorno sembra sempre più rapido di quello di andata. Accade perché abbiamo imparato meglio la strada? Nient'affatto. Per gli scienziati, si tratta di uno scherzo della mente, come dimostrano tre diversi esperimenti di uno studio compiuto tra Olanda e Stati Uniti.

Viaggio nel cervello: alla scoperta di altri misteri della mente
VAI ALLA GALLERY (N foto)

Non vedo l'ora di arrivare... ma quanto manca? Il "return trip effect" (letteralmente "effetto da viaggio di ritorno") è una sensazione diffusa che fa percepire la strada del rientro più breve del 17-22% rispetto a quella dell'andata, anche se il tempo trascorso in viaggio e i chilometri percorsi sono identici. Questa errata percezione si verifica anche quando il viaggio di ritorno avviene su una tratta diversa: la prova che il fenomeno non dipende dal tragitto ma dalle nostre aspettative.

All'andata la smania di arrivare ci porta a sottostimare la distanza da percorrere e il tempo sembra dilatarsi; al ritorno aggiustiamo le attese in base al reale percorso da compiere, e le nostre previsioni divengono così più realistiche.

Ma il pendolare non ci casca. I tre diversi esperimenti hanno confermato che l'effetto si verifica sia nei viaggi in autobus, sia in quelli in bicicletta, sia quando guardiamo il video di qualcun altro che viaggia, mentre si attenua durante i viaggi frequenti - come quelli dei pendolari costretti a spostarsi ogni giorno per lavoro. In quest'ultimo caso, probabilmente, la ripetitività dei tragitti dà luogo ad aspettative più veritiere dalla distanza da percorrere.

La scoperta potrebbe aiutare a studiare come le nostre attese modellino il tempo percepito, e non solo quando si tratta di viaggi. Un simile effetto è stato osservato anche sui film rivisti di nuovo o sulle fiabe rilette ai bambini: la seconda visione (o il secondo ascolto) sembrano sempre più veloci delle prime volte.

Vai a: Codice sconto Expedia di Focus.it

7 luglio 2014 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us