Psicologia

Perché (a volte) gli innocenti si confessano colpevoli?

Capita che persone innocenti messe sotto pressione confessino di essere colpevoli perché credono che la verità verrà a galla. Ma non solo.

Colpevole o innocente? Non soltanto nei film, ma anche nella realtà può capitare che persone innocenti finiscano per confessare qualcosa che in realtà non hanno fatto. Secondo diversi studi accade innanzitutto perché sono portati a pensare che la verità verrà a galla e che, quindi, non c'è ragione di agitarsi. Questo pensiero, però, finisce per danneggiarli: li rende meno motivati a difendersi e pertanto più esposti a cadere nei tranelli dell'interrogatorio.

Universitari non colpevoli. Lo ha verificato, per esempio, un gruppo di ricercatori della Iowa State University che, nell'esperimento, ha accusato alcuni universitari di aver aiutato un altro studente durante lo svolgimento di un compito individuale (per alcuni studenti era vero, per altri no). Risultato? Pur essendo meno stressati dei colpevoli, il 43% degli innocenti ha confessato.

È anche evidente che chi è accusato ingiustamente finisce per confessare pur di liberarsi dalle pressioni dell'interrogatorio. Infatti, in un altro studio, si è visto che molti accusati di azioni immorali preferiscono confessare pur di evitare una lunga serie di domande, anche se vengono avvertiti che ciò comporterà loro un incontro con la polizia. In sostanza, gli innocenti che confessano scelgono di evitare ripercussioni spiacevoli immediate e, protetti dalla loro innocenza, sottovalutano le conseguenze a lungo termine di una confessione.

30 giugno 2023
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us