Psicologia

Parolacce: fanno bene alla salute

Parolacce e imprecazioni sono una risposta fisica del nostro organismo al dolore. E secondo uno studio britannico è bene non trattenersi: dire volgarità ha un effetto analgesico.

Se piantando un chiodo vi siete tirati la classica martellata sul dito, imprecate pure ad alta voce e date sfogo a tutta la vostra sofferenza: dire parolacce sembra infatti avere un effetto analgesico e lenitivo sul dolore. Lo affermano gli psicologi dell’Università inglese di Keele in un articolo pubblicato sull’ultimo numero di NeuroReport.


@#*§!&... Che freddo! Richard Stephens e i suoi colleghi hanno chiesto a 64 studenti del loro ateneo di immergere una mano nell’acqua gelata e tenerla a bagno il più a lungo possibile ripetendo una parolaccia a loro scelta. Hanno poi ripetuto l’esperimento invitando i volontari a non pronunciare più improperi ma a descrivere un tavolo con parole "educate". Dal test è emerso che insulti e volgarità varie hanno aiutato le cavie umane a tenere la mano al freddo per un periodo più lungo rispetto ai termini "normali". Esiste dunque un nesso causa-effetto tra il dolore fisico e le parolacce? Sembrerebbe proprio di sì, anche se i ricercatori non ne hanno ancora capito i meccanismi di funzionamento.


Meglio un vaffa o l'aspirina? Secondo Stephens l’effetto analgesico delle parolacce deriverebbe dall’aumento dei livelli di aggressività scatenati dalle imprecazioni. Arrabbiarsi aumenta la frequenza cardiaca, stimola la produzione di adrenalina e innalza la soglia di sopportazione del dolore. Lasciarsi andare a espressioni un po’ troppo colorite sembra quindi essere una risposta fisica e non solo emotiva data del nostro organismo quando si trova in difficoltà. Secondo gli esperti le imprecazioni nascono nell’emisfero destro del cervello, quello legato all’emotività, mentre linguaggio e parola attivano l’emisfero sinistro.

17 luglio 2009
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us