Comportamento

La pandemia ombra: la violenza sulle donne

Nella Giornata internazionale contro la violenza sulle donne un invito a far luce su una violazione dei diritti umani cresciuta nell'anno della covid.

Dal mese di marzo 2020, mentre le strade di tutto il mondo si svuotavano e le porte di casa si chiudevano per combattere la CoViD-19, un'altra pandemia ha registrato una crescita esponenziale: quella della violenza sulle donne. Spesso ignorata, taciuta, persino tollerata dalla società, la violenza di genere rappresenta una delle più diffuse, persistenti e devastanti violazioni dei diritti umani. Ogni anno nel mondo 243 milioni di donne e ragazze denunciano abusi da parte del partner, e le restrizioni dovute alla covid non hanno fatto che peggiorare la situazione.

Nella Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne, che si celebra ogni 25 novembre, prende anche il via la campagna 16 giorni di attivismo contro la violenza di genere: una staffetta lanciata da UN Women che si concluderà il 10 dicembre, Giornata Internazionale per i diritti umani, e che avrà il compito di evidenziare quanto di concreto possiamo fare per prevenire e contrastare questa forma di sopruso. Con una premessa: porre fine alla violenza contro le donne è una lotta che riguarda tutti, e non le donne soltanto.

Prigione domestica. Nel corso del 2020 gli organismi governativi, gli attivisti e le organizzazioni che si occupano della tutela delle donne hanno denunciato ovunque un aumento consistente delle richieste d'aiuto per le violenze domestiche. La raccomandazione di stare a casa per contrastare la diffusione del virus ha costretto le donne che convivono con un partner o un altro familiare violento a rimanere isolate, 24 ore su 24 a contatto con il loro abusante.

Le incertezze su lavoro e salute dovute alla pandemia, la necessità di ridurre i contatti sociali e uscire solo per situazioni di emergenza e il disagio per la condivisione degli spazi ristretti di casa hanno esacerbato le situazioni di violenza; tutto questo avveniva mentre i servizi sanitari e di sicurezza avevano già raggiunto il limite delle capacità di supporto e mentre i centri antiviolenza subivano chiusure e restrizioni per le misure anti-covid. La lontananza forzata dalle scuole ha esposto milioni di bambine, soprattutto nei Paesi a basso reddito, a un rischio aumentato di violenza domestica e abusi sessuali.

i volti della violenza. La violenza sulle donne si manifesta in molte forme, la più comune delle quali avviene all'interno della relazione con il partner (violenza fisica, psicologica, abusi sessuali, femminicidio); fuori dai più stretti contesti familiari ha spesso i caratteri della violenza sessuale, dello stalking, delle molestie per strada e sul lavoro, del revenge-porn. Sono violenze di genere e reati contro l'infanzia gli abusi su minori, il matrimonio forzato, lo sfruttamento della prostituzione minorile, la mutilazione genitale femminile, i matrimoni precoci.

Gli effetti fisici, psicologici e sulla salute di questi traumi durano per tutta la vita e spesso innescano una spirale di povertà e disagio che si trascina per generazioni: un'infanzia negata è per le bambine anticamera di un abbandono precoce degli studi, di gravidanze precoci, dell'impossibilità di trovare un lavoro e della salute precaria dei figli che nasceranno. Tra le categorie più vulnerabili alla violenza troviamo le donne più giovani e quelle più anziane, le donne che si identificano come lesbiche, bisessuali, transgender o intersessuali, le donne con disabilità o sieropositive, e quelle che vivono in Paesi interessati da crisi umanitarie.

1522 è il numero gratuito che le donne che subiscono violenza possono contattare (anche in chat) per chiedere aiuto. © UN Women

Che cosa possiamo fare. Ci sono alcune azioni concrete che tutti possiamo fare per iniziare a cambiare le cose. Una di queste (la prima di un intero decalogo che trovate qui, in inglese) è fornire pieno spazio di ascolto, supporto e fiducia alle donne che trovano il coraggio di raccontare le violenze subite, ricordando che particolari come la sobrietà, le inclinazioni sessuali, l'atteggiamento e l'abbigliamento della vittima sono del tutto irrilevanti nelle discussioni sulla violenza subita, e contrastando l'idea che spetti alle donne evitare situazioni che potrebbero essere percepite come "pericolose". Si tratta, in sintesi, di non attribuire alle vittime colpe che ricadono unicamente sull'abusante.

24 novembre 2020 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Le sfide della Chiesa per tutelare la propria autonomia e i suoi territori. A colpi di alleanze, scomuniche, guerre, ma anche preziose committenze ai più grandi artisti del Rinascimento, ecco come i pontefici sono stati protagonisti di secoli di storia. E ancora: quando, 100 anni fa, l'Irlanda venne divisa in due; origini, regole e curiosità degli scacchi; perché le legioni romane erano imbattibili.

 

ABBONATI A 29,90€

Quale incredibile processo ha fatto nascere la vita sul nostro pianeta? Tutte le ultime ipotesi scientifiche. Inoltre: i numeri e le mappe della pandemia che ci ha cambiato nel 2020 e cosa ci aspetta nel 2021; le nuove frontiere del cinema; i software che ci identificano in base al modo di camminare; il sesso strano del mondo animale.

ABBONATI A 29,90€

Sul nuovo numero di Focus Domande&Risposte tantissime domande e risposte curiose e inaspettate nel nome della scienza. Per esempio: è vero che la musica fa cambiare sapore al formaggio? E che mariti e mogli con il tempo si assomigliano? E che la solitudine cambia il nostro cervello?

ABBONATI A 29,90€
Follow us