Psicologia

Nel cervello ha sede la giustizia

Essere giusti o egoisti nelle proprie azioni, dipende tutto da una zona del cervello, che si trova nella corteccia frontale.

Nel cervello ha sede la giustizia
Essere giusti o egoisti nelle proprie azioni, dipende tutto da una zona del cervello, che si trova nella corteccia frontale.

Come in un'aula di tribunale, nel cervello si decide cosa
è più giusto fare.

Da dove nasce il senso di giustizia e il desiderio, esclusivamente umano, di punire l’imbroglione? Probabilmente in una “porzione” di cervello: l’area dorsolaterale della corteccia prefrontale (DLPFC).
Almeno secondo alcuni neurologi e economisti che hanno condotto un esperimento.

Se il gioco si fa duro
Durante un gioco di tipo “economico”, alcuni volontari dovevano dividere una somma di denaro con altri. Quelli che ricevevano potevano decidere di comune accordo se accettare o meno la somma di denaro.
In condizioni normali coloro che dovevano ricevere i soldi, dopo una serie di offerte considerate inaccettabili, hanno deciso di non prendere somme al di sotto di una certa cifra, considerandola il minimo “moralmente” accettabile.

Ciascun per sé
Ma gli stessi volontari sono diventati molto meno combattivi e più “egoisti” quando è stata bloccata loro la DLPFC, applicando alla regione cerebrale alcuni campi magnetici, che ne inibivano l’attività. Secondo i ricercatori l’esperimento dimostrerebbe che questa zona del cervello blocca la tendenza ad agire nel proprio esclusivo interesse personale, facendoci fare quello che consideriamo, invece, più giusto.

Tribunali speciali
Lo studio del processo di formazione del senso di giustizia, secondo gli scienziati potrebbe essere utile per l’approfondimento di alcune malattie mentali e di disturbi psichici gravi, come per esempio l’autismo.

(Notizia aggiornata al 6 ottobre 2006)

6 ottobre 2006
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us