Nati sotto una cattiva stella?

Il periodo dell’anno in cui si nasce condiziona  la nostra personalità e la salute psicofisica. Niente a che vedere con oroscopi e ascendenti, la stella in questione è infatti il Sole.

sole
Nascite infelici. Un maggior rischio di sviluppare disturbi nervosi tra la popolazione dell'emisfero nord è collegato alla data di nascita.

La notizia è di quelle che non ti aspetteresti da uno scienziato. Ci sarebbero prove che il periodo dell’anno in cui si nasce condiziona non solo la nostra personalità, ma anche la salute psicofisica. Ma niente a che vedere con oroscopi e ascendenti, la stella in questione è infatti il Sole.

Siamo figli della Stella?
In sostanza, essere partorito in determinati periodi dell’anno accrescerebbe l’insorgenza di alcuni problemi mentali. Secondo una serie di studi statistici, chi è nato nei primi mesi dell’anno può sviluppare più facilmente la schizofrenia, mentre invece il rischio di anoressia aumenta in chi è venuto al mondo a cavallo tra la primavera e l’estate. Non tiri poi un sospiro di sollievo chi invece compie gli anni in autunno, più facilmente soggetto ad attacchi di panico o all’abuso di alcol.

I nuovi studi
Studi di questo tipo non sono nuovi, come precisa la rivista New Scientist. Già nel 1929 i primi psicologi avevano studiato la relazione tra i casi di suicidio e il periodo in cui si è nati.
A cambiare, oggi, sono state le spiegazioni alla regolarità con cui questi eventi di presentano. Fino a poco tempo fa infatti si pensava che la maggior probabilità di insorgenza di questi disordini fosse da collegare allo stato di salute della madre durante la gravidanza, e al conseguente rischio di imbattersi in batteri in grado di minare il corretto sviluppo cerebrale del feto.

Predisposizione solare
Oggi, invece, ci si concentra maggiormente sull’effetto della luce sulle madri nelle diverse stagioni. Si è visto infatti che il Sole stimola la produzione di vitamina D, di cui il feto ha enorme bisogno per un corretto sviluppo del suo cervello. In assenza di questa vitamina, è possibile sviluppare delle irregolarità a livello di struttura cerebrale che possono, col tempo, compromettere la salute mentale dell’individuo.

Niente allarmi
I ricercatori non vogliono spaventare nessuno. Il loro esperimento non ha nulla di profetico, ma comincia a chiarire le basi biologiche di fenomeni finora ritenuti solamente mentali. Insomma, se siete nati in ottobre potete continuare a godervi il vostro Chianti da 13 gradi e mezzo senza remore.

31 Gennaio 2007