15 modi in cui la tua faccia parla di te

Sarà affidabile? Sa stare al gioco? È la persona giusta per quella posizione? Il nostro volto comunica molto sul nostro conto, anche se non sempre in modo corretto. Ecco alcuni comuni stereotipi associati ai lineamenti del viso, spiegati e indagati dalla scienza.

Sorridenti, pensose, stanche, curate, cupe, spensierate... Ogni giorno vediamo decine di facce più o meno conosciute, e ogni volta, anche senza volerlo, ne ricaviamo un'impressione. Da tempo la scienza studia come le caratteristiche del viso influenzino la percezione altrui: può sembrare banale, ma i lineamenti del volto - insieme a parecchi altri diffusi stereotipi - giocano un ruolo importante nell'affidabilità, nella competenza e in altre qualità o difetti che attribuiamo alle persone. Alexander Todorov, professore di Psicologia dell'Università di Princeton (Usa), si occupa di ricerche di questo tipo e ha raccontato a Business Insider come ci facciamo influenzare dai volti che vediamo.

I belli partono avvantaggiati. Le persone attraenti sono percepite come più simpatiche, competenti, intelligenti, affidabili. Un viso simmetrico e regolare comunica (più o meno consapevolmente) salute, giovinezza e potenziale riproduttivo. Spesso chi ha un viso che corrisponde ai canoni "classici" della bellezza trova partner con più facilità e vanta migliori doti comunicative.

Vedi anche: le nostre facce, se fossero perfettamente simmetriche e l'illusione ottica che fa sembrare brutto anche Brad Pitt

Faccia da bambino? Onesto, espansivo. Chi ha occhi grandi, volto rotondo e mento più piccolo rispetto al cranio può vantare la cosiddetta "babyface", un viso che sembra sempre giovane. Questa caratteristica è percepita come un segnale di innocenza, e quindi sincerità, ma anche di debolezza fisica, gentilezza, ingenuità ed espansività: rispetto a chi ha il volto "maturo", chi ha una faccia sempre giovane viene visto come più "caldo" nei modi, ma meno competente.

Spesso sono le donne ad avere le caratteristiche tipiche del volto da bambino, e a doversi sobbarcare il carico di stereotipi e preconcetti che questo aspetto comporta. Basta però saperlo e giocare d'anticipo: se in genere vi danno meno anni di quelli che in realtà avete, sapete che dovrete lavorare sodo per apparire competenti e affidabili. Se al contrario avete un volto maturo, il vostro punto debole potrebbe essere l'espansività percepita.

Le facce neutre non esistono: nel senso che spesso le espressioni apparentemente neutrali sono ricondotte a emozioni sbilanciate nell'uno o nell'altro senso. Anche in questo caso influiscono stereotipi di genere: i volti neutri femminili sono spesso percepiti come più remissivi, impauriti, amichevoli, collaborativi e felici rispetto ai volti neutri maschili.

La faccia della competenza. Pelle più scura, naso più largo, sopracciglia più fitte e ravvicinate, labbra più carnose e sguardo più disteso: la "competenza percepita" in questi volti va crescendo, da sinistra verso destra. Il fattore "pelle scura" non è da ricondursi a una questione di origine, ma alla maggiore mascolinità dei volti. Questa simulazione e le seguenti sono state create dal laboratorio di Todorov alla Princeton University (New Jersey).

Vedi anche: i volti dei medici prima e dopo un turno

I volti più influenti. Anche influenza e capacità di esercitare il proprio ascendente sugli altri sono ricollegabili, nell'immaginario comune, a tratti mascolini. Come nel caso precedente, l'ascendente percepito aumenta da sinistra verso destra.

Faccia da bontemponi. Volti più larghi, con sopracciglia più curve, sguardo vispo e - come facilmente intuibile - con un accenno di sorriso sono percepiti come più estroversi.

Gente che piace. La simpatia percepita va a braccetto con l'attrattività di un volto e l'apertura del sorriso: i volti in questa immagine sono visti come sempre più simpatici, da sinistra a destra in entrambi i casi.

Vedi anche: i volti della bellezza nel mondo

Di lui mi fido. L'onestà è associata a tratti femminili, come sopracciglia più fini, naso più sottile, occhi più grandi (anche in questo caso l'onestà percepita aumenta andando verso destra).

Il volto del pericolo. Le facce arrabbiate o dall'espressione mascolina sono percepite come più pericolose, come mostra quest'altra progressione.

La debolezza delle giurie. Il problema degli stereotipi associati ai volti si fa più importante per i sistemi giudiziari che prevedono la presenza di una giuria. Nelle due file superiori, vediamo come un volto sia percepito più o meno "colpevole" in base a tratti come pronunciamento degli zigomi o della mascella; o al contrario come una faccia con le caratteristiche della "babyface" e l'espressione contrita (righe c e d) possa passare per innocente, indipendentemente dalle prove.

Come si manipolano le facce. Nell'immagine dell'università di Basilea (Svizzera) potete vedere come uno stesso volto, opportunamente modificato, possa comunicare maggiore o minore disponibilità, consapevolezza, apertura mentale, estroversione o nervosismo.

I volti influenzano il voto. Le caratteristiche del viso contribuiscono a determinare l'affidabilità o meno di un candidato e a influenzare le nostre decisioni su chi votare, assumere, o invitare per un appuntamento romantico. Nel caso dei politici, la faccia da bambino non paga: chi ha occhi grandi, volto rotondo e "pulito" è spesso percepito come ingenuo e inaffidabile; la faccia adulta, matura e scaltra è invece associata ai candidati più determinati e competenti.

Vedi anche: Politico o serial killer? Sai riconoscere questi volti?

Cerchiamo noi stessi negli altri. Le persone tendono a giudicare più positivamente volti che somigliano al proprio, come dimostrano alcuni studi che hanno chiesto a volontari di valutare il grado di affidabilità di facce che contenevano una percentuale più o meno alta di tratti riconoscibili del proprio viso. Inoltre, tendiamo purtroppo a considerare più onesti e sinceri i volti che somigliano alla faccia "tipica" dell'area in cui viviamo: uno stereotipo che alimenta razzismo e xenofobia.

Vedi anche: Il nostro aspetto reale? Diverso da come pensiamo

Questa faccia può voler dire una cosa sola: "Non credo proprio!". L'espressione del volto che esprime disapprovazione è universale. Gli psicologi la chiamano "not face", ed è una sorta di "segno di punteggiatura" muscolare che non conosce distinzioni linguistiche e geografiche e risponde a un codice ben cristallizzato, che non dipende dal linguaggio parlato (per saperne di più).

Sorridenti, pensose, stanche, curate, cupe, spensierate... Ogni giorno vediamo decine di facce più o meno conosciute, e ogni volta, anche senza volerlo, ne ricaviamo un'impressione. Da tempo la scienza studia come le caratteristiche del viso influenzino la percezione altrui: può sembrare banale, ma i lineamenti del volto - insieme a parecchi altri diffusi stereotipi - giocano un ruolo importante nell'affidabilità, nella competenza e in altre qualità o difetti che attribuiamo alle persone. Alexander Todorov, professore di Psicologia dell'Università di Princeton (Usa), si occupa di ricerche di questo tipo e ha raccontato a Business Insider come ci facciamo influenzare dai volti che vediamo.