Psicologia

Mission impossible per bambini

Perché i bambini cercano di fare come impossibili, come entrare nelle macchinine? Probabilmente perché le interconnessioni tra alcune zone del cervello non sono ancora stabili, spiega una nuova...

Mission impossible per bambini
Perché i bambini cercano di fare come impossibili, come entrare nelle macchinine? Probabilmente perché le interconnessioni tra alcune zone del cervello non sono ancora stabili, spiega una nuova ricerca.

Perché non entra? Un'immagine tratta dai video dell'esperimento: un bimbo cerca di entrare in una macchina.
Perché non entra? Un'immagine tratta dai video dell'esperimento: un bimbo cerca di entrare in una macchina.

Chi non ha mai riso di fronte a un bambino che si ostina a fare cose impossibili, come cercare di indossare le scarpe di una bambola, sedersi alla guida delle macchinine o cercare di entrare nella casetta della Barbie. Lo stesso hanno fatto tre ricercatori statunitensi osservando i loro figli di circa due anni. E hanno deciso di studiare questo strano comportamento così diffuso tra i bambini, filmando un gruppo di bimbi tra i 18 e i 30 mesi. Prima li hanno fatti giocare con uno svivolo da camera , sedere su una poltroncina e scorrazzare per una stanza su una macchina a pedali. Poi li hanno portati a fare una passeggiata e riportati nella stanza dove hanno ritrovato gli stessi giocattoli in versione mini: una macchinina, una sedia per bambole e un microscivolo.

PICCOLI ERRORI
I filmati degli esperimenti svolti alle università della Virginia, dell'Illinois e Northwestern.

Macchinina 1

Macchinina 2

Sedia

Cortocircuito logico. 25 bambini su 54 hanno cercato di giocarci comunque, commettendo quello che viene definito un "errore di scala". E divertito i ricercatori.
Lo studio sembra confermare la teoria che esisterebbero due aree del cervello deputate a organizzare l'informazione visuale. La prima è incaricata di riconoscere gli oggetti (questa è una macchina); l'altra decide come utilizzare l'informazione (ci posso salire). L'errore di scala dei bambini sarebbe dunque dovuto al fatto che le relazioni tra queste due zone non sono ancora perfettamente stabilite.
Quando infatti l'azione incomincia, i bambini utilizzano le informazioni sulla scala degli oggetti per aggiustare i movimenti: quando decidono di salire su una macchinina, ignorano che è troppo piccola, ma riescono comunque a coordinare i movimenti per aprire le porticine e cercano di infilare i piedi in un buco troppo piccolo.
Lo studio potrà aiutare a comprendere meglio i meccanismi delle dissociazioni percezione-azione nei bambini e negli adulti con danni neuronali. In particolare sembra suggerire una certa immaturità nella corteccia prefrontale.

(Notizia aggiornata al 17 maggio 2004)

14 maggio 2004
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

La forza sovrumana del lottatore greco Milone, i pugni di acciaio di John L. Sullivan, la determinazione di Alfonsina Strada nel voler partecipare, unica donna, al Giro d’Italia... I personaggi che si sono distinti nel mondo dello sport sono ovviamente tantissimi. A chi dare spazio, in occasione delle Olimpiadi? Scopritelo in edicola.

ABBONATI A 29,90€

I comportamenti, le regole, i codici e l'organizzazione del mondo vegetale. In più: gli strascichi della long Covid, l'importanza degli abbracci e alla scoperta di Abel, un androide dell’Università di Pisa nato per interagire con noi umani.

ABBONATI A 29,90€
 
È vero che il mare non è sempre stato blu? La voglia di correre è contagiosa? Perché possiamo essere crudeli con gli altri? Si possono deviare i fulmini? Che cosa fare (e cosa non fare) per piacere di più? Queste e tantissime altre domande e risposte, sempre curiose e divertenti, sul nuovo numero di Focus D&R, in edicola.
ABBONATI A 29,90€
Follow us