Psicologia

Mission impossible per bambini

Perché i bambini cercano di fare come impossibili, come entrare nelle macchinine? Probabilmente perché le interconnessioni tra alcune zone del cervello non sono ancora stabili, spiega una nuova...

Mission impossible per bambini
Perché i bambini cercano di fare come impossibili, come entrare nelle macchinine? Probabilmente perché le interconnessioni tra alcune zone del cervello non sono ancora stabili, spiega una nuova ricerca.

Perché non entra? Un'immagine tratta dai video dell'esperimento: un bimbo cerca di entrare in una macchina.
Perché non entra? Un'immagine tratta dai video dell'esperimento: un bimbo cerca di entrare in una macchina.

Chi non ha mai riso di fronte a un bambino che si ostina a fare cose impossibili, come cercare di indossare le scarpe di una bambola, sedersi alla guida delle macchinine o cercare di entrare nella casetta della Barbie. Lo stesso hanno fatto tre ricercatori statunitensi osservando i loro figli di circa due anni. E hanno deciso di studiare questo strano comportamento così diffuso tra i bambini, filmando un gruppo di bimbi tra i 18 e i 30 mesi. Prima li hanno fatti giocare con uno svivolo da camera , sedere su una poltroncina e scorrazzare per una stanza su una macchina a pedali. Poi li hanno portati a fare una passeggiata e riportati nella stanza dove hanno ritrovato gli stessi giocattoli in versione mini: una macchinina, una sedia per bambole e un microscivolo.

PICCOLI ERRORI
I filmati degli esperimenti svolti alle università della Virginia, dell'Illinois e Northwestern.

Macchinina 1

Macchinina 2

Sedia

Cortocircuito logico. 25 bambini su 54 hanno cercato di giocarci comunque, commettendo quello che viene definito un "errore di scala". E divertito i ricercatori.
Lo studio sembra confermare la teoria che esisterebbero due aree del cervello deputate a organizzare l'informazione visuale. La prima è incaricata di riconoscere gli oggetti (questa è una macchina); l'altra decide come utilizzare l'informazione (ci posso salire). L'errore di scala dei bambini sarebbe dunque dovuto al fatto che le relazioni tra queste due zone non sono ancora perfettamente stabilite.
Quando infatti l'azione incomincia, i bambini utilizzano le informazioni sulla scala degli oggetti per aggiustare i movimenti: quando decidono di salire su una macchinina, ignorano che è troppo piccola, ma riescono comunque a coordinare i movimenti per aprire le porticine e cercano di infilare i piedi in un buco troppo piccolo.
Lo studio potrà aiutare a comprendere meglio i meccanismi delle dissociazioni percezione-azione nei bambini e negli adulti con danni neuronali. In particolare sembra suggerire una certa immaturità nella corteccia prefrontale.

(Notizia aggiornata al 17 maggio 2004)

14 maggio 2004
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us