Psicologia

Matematica, l'ansia non sempre è nemica

Il timore (o terrore) reverenziale nei confronti della materia non equivale necessariamente a performance scadenti. Se la motivazione è alta, può anche dare una marcia in più.

I sudori freddi alla vista di un'equazione o della curva di una funzione possono compromettere le prestazioni matematiche di alcuni. Ma non è detto che un po' di ansia (in dosi moderate) debba necessariamente incrinare il rapporto con la materia. Anzi, in certi casi la giusta soggezione nei confronti dei numeri può dare una spinta in più e migliorare il rendimento.

Il segreto? Crederci. A dirlo sono due diversi studi sul tema del Virginia Polytechnic Institute and State University e della Ohio State University. «I nostri risultati mostrano che l'associazione negativa tra l'ansia da matematica e l'apprendimento di questa materia non è universale», spiega Zhe Wang, tra gli autori: «la motivazione può essere un importante tampone all'influenza negativa dell'angoscia.»

Una molla in più. Due ampi studi, uno su coppie di gemelli di 12 anni di età, l'altro su studenti universitari, hanno dimostrato che nei ragazzi con scarsa motivazione allo studio della matematica l'ansia gioca brutti scherzi e peggiora le performance. Ma in chi è fortemente convinto del valore della materia e degli sforzi necessari ad afferrarla, la relazione tra ansia e performance è facilmente rappresentabile con una curva ad "U" rovesciata: le prestazioni crescono all'aumentare dell'ansia.

Ma solo fino a un certo livello: superata la soglia dell'ansia "moderata", i risultati calano. Le ragazze sono risultate più soggette all'ansia da matematica dei ragazzi.

La ricerca dimostra anche che non è sempre sull'ansia che bisogna intervenire. Piuttosto, è aumentando la motivazione che si sconfiggono gli effetti negativi della preoccupazione, e anzi la si sfrutta per rendere al meglio.

8 novembre 2015 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us