Psicologia

«Maestra. Lui mi picchia più forte!»

Il nostro cervello minimizza i colpi che diamo. Ecco perché i litigi peggiorano.

«Maestra. Lui mi picchia più forte!»
Il nostro cervello minimizza i colpi che diamo. Ecco perché i litigi peggiorano.

Una zuffa tra bambini. Una ricerca confermerebbe quanto affermano i bambini e cioè che durante una lotta, l'avversario colpisce più forte. In realtà è il cervello a percepire diversamente i colpi subiti rispetto a quelli dati.
Una zuffa tra bambini. Una ricerca confermerebbe quanto affermano i bambini e cioè che durante una lotta, l'avversario colpisce più forte. In realtà è il cervello a percepire diversamente i colpi subiti rispetto a quelli dati.





La sensazione di forza messa nel dare un colpo è diversa da quella di forza percepita. È una conclusione sui sono giunti alcuni studiosi inglesi, e il lavoro, pubblicato sulla rivista scientifica Science, fa pensare che il cervello di ogni bambino sia predisposto per giudicare più forte un colpo ricevuto piuttosto che uno dato. Sukhwinder Shergill e i suoi colleghi dell'University College di Londra hanno condotto una serie di esperimenti in cui hanno chiesto a due soggetti di rispondere con la stessa forza alla pressione di un dito. In breve la forza applicata è andata crescendo. Questo perché, secondo i ricercatori, quando il cervello pianifica un movimento, minimizza la sensazione del movimento stesso, perché questo permette all'apparato sensorio di prestare più attenzione alle sensazioni che vengono dall'esterno.
Questo risultato potrebbe anche spiegare perché i litigi diventano sempre più violenti man mano che procedono. Ogni litigante pensa di aver colpito l'avversario con una forza inferiore rispetto ai colpi ricevuti.

(Notizia aggiornata al 14 luglio 2003)

11 luglio 2003
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us