Psicologia

Perché usare lo smartphone al supermercato fa spendere di più?

Fare la spesa al supermercato guardando lo smartphone per vedere messaggi, social e notifiche varie può fare spendere più del previsto.

Non conviene usare lo smartphone mentre facciamo la spesa al supermercato. Se vogliamo acquistare i prodotti che ci servono per davvero, e quindi spendere di meno, è decisamente meglio restare concentrati sulla spesa, evitando di guardare lo schermo per controllare messaggi e social. Il suggerimento è il risultato di un test condotto dall'Università di Bath (UK), che grazie a speciali occhiali capaci di registrare i movimenti oculari ha monitorato il comportamento di 500 persone impegnate in una comune spesa al supermercato.

Gli psicologi hanno così potuto osservare che cosa le persone coinvolte stessero guardando durante il loro normale percorso tra i corridoi del supermercato: è risultato che controllare più volte lo smartphone porta a spendere addirittura il 41% in più, perché distrae dai percorsi abituali tra gli scaffali disattivando il pilota automatico con cui, in genere, si fa la spesa.

Più concentrazione! La maggior parte dei consumatori, di solito, compra sempre gli stessi prodotti e si muove automaticamente verso gli scaffali in cui si trovano, trascurando tutto il resto. Invece, guardando lo schermo dello smartphone si è meno concentrati e il percorso si fa più lento e imprevedibile. In questo modo l'attenzione può essere più facilmente catturata da prodotti che si sarebbero ignorati, e che invece così finiscono nel carrello, facendo levitare il costo della spesa.

-------

Margherita Zannoni

26 gennaio 2020
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us