Psicologia

Le sette note migliorano il sistema nervoso

La musica ci cambia! Sì, ci rende migliori, più sensibili, più attenti... ma adesso sappiamo che fa anche crescere il cervello! Lo ha scoperto uno studio sul corpo calloso, il ponte che unisce gli emisferi, che a quanto pare aumenta di dimensioni nei bambini che si esercitano con regolarità al piano o al violino. (Andrea Porta, 9 maggio 2008)

La musica ci cambia il cervello. Uno studio della Harvard Medical School di Boston (Usa) spiega che il regolare esercizio con uno strumento modifica il nostro sistema nervoso, migliorandone alcune funzioni. La ricerca è iniziata tre anni fa quando il neurologo Gottfried Schlaug, partendo dai risultati di un esperimento compiuto nel 1995, aveva sottoposto a risonanza magnetica il cervello di 31 "musicisti in erba", di 6 anni, osservando il particolare sviluppo del "corpo calloso", la struttura che collega tra loro i due emisferi del cervello.
Un ponte nel cervello. Solo oggi grazie a nuovi test sugli stessi bambini Schlaug ha potuto verificare una correlazione più specifica: soltanto quelli che in questi tre anni hanno continuato un'intensa attività musicale avevano un corpo calloso ipersviluppato, segno delle elevate capacità motorie indispensabili per suonare strumenti come il violino o il piano. Ponte tra gli emisferi, la struttura è infatti responsabile delle capacità di coordinamento degli arti. «I risultati», spiega Schlaug, «mostrano chiaramente che l'esercizio musicale migliora le connessioni neuronali responsabili dell'organizzazione del movimento.» Ora il team proseguirà la ricerca per capire se la pratica musicale ha altri effetti benefici, per esempio sulla memoria.

9 maggio 2008
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us