Psicologia

Le sette note migliorano il sistema nervoso

La musica ci cambia! Sì, ci rende migliori, più sensibili, più attenti... ma adesso sappiamo che fa anche crescere il cervello! Lo ha scoperto uno studio sul corpo calloso, il ponte che unisce gli emisferi, che a quanto pare aumenta di dimensioni nei bambini che si esercitano con regolarità al piano o al violino. (Andrea Porta, 9 maggio 2008)

La musica ci cambia il cervello. Uno studio della Harvard Medical School di Boston (Usa) spiega che il regolare esercizio con uno strumento modifica il nostro sistema nervoso, migliorandone alcune funzioni. La ricerca è iniziata tre anni fa quando il neurologo Gottfried Schlaug, partendo dai risultati di un esperimento compiuto nel 1995, aveva sottoposto a risonanza magnetica il cervello di 31 "musicisti in erba", di 6 anni, osservando il particolare sviluppo del "corpo calloso", la struttura che collega tra loro i due emisferi del cervello.
Un ponte nel cervello. Solo oggi grazie a nuovi test sugli stessi bambini Schlaug ha potuto verificare una correlazione più specifica: soltanto quelli che in questi tre anni hanno continuato un'intensa attività musicale avevano un corpo calloso ipersviluppato, segno delle elevate capacità motorie indispensabili per suonare strumenti come il violino o il piano. Ponte tra gli emisferi, la struttura è infatti responsabile delle capacità di coordinamento degli arti. «I risultati», spiega Schlaug, «mostrano chiaramente che l'esercizio musicale migliora le connessioni neuronali responsabili dell'organizzazione del movimento.» Ora il team proseguirà la ricerca per capire se la pratica musicale ha altri effetti benefici, per esempio sulla memoria.

9 maggio 2008
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us