Psicologia

Come funziona il tuo cervello quando smanetti con lo smartphone

Rispondere a chat e sms cambia il ritmo dell'attività corticale in un modo mai osservato finora: una ragione scientifica in più per non farlo mentre si guida.

Chi pensa di essere perfettamente in grado di guidare mentre risponde a un amico su WhatsApp avrà ora un altro motivo per ricredersi. Scrivere al cellulare modifica il ritmo delle onde cerebrali in un modo molto particolare, diverso da quello provocato da altri compiti motori o cognitivi.

Lo studio pubblicato sulla rivista Epilepsy & Behavior getta nuova luce sulla pericolosa abitudine di armeggiare con lo smartphone mentre si è al volante. Un gruppo di neurologi della Mayo Clinic di Jacksonville, Florida, ha monitorato 129 volontari, epilettici e non, per un periodo di 16 mesi, attraverso elettroencefalogramma e filmati video. I pazienti epilettici sono spesso usati come soggetti sperimentali, perché la loro attività cerebrale è tenuta sotto stretto controllo.

Un andamento particolare. I partecipanti hanno dovuto misurarsi in una serie di compiti come scrivere al cellulare, parlare al telefono, tamburellare le dita su una superficie e rispondere a test attentivi, linguistici e matematici, il tutto mentre la loro attività cerebrale veniva monitorata. Ma soltanto scrivere con lo smartphone ha indotto, in un paziente su 5, un ritmo cerebrale completamente nuovo, diverso da ogni tipologia di onda descritta finora.

«Pensiamo che il nuovo ritmo sia un metro oggettivo dell'abilità del cervello di processare informazioni non verbali mentre si usano i dispositivi elettronici, e che questa abilità sia fortemente connessa a un network ampiamente distribuito, che coinvolge attenzione ed emozione» ha detto William Tatum, a capo dello studio.

29 giugno 2016 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us