Psicologia

Le donne sono più altruiste degli uomini?

Il cervello femminile potrebbe trarre maggior soddisfazione dagli atti di generosità per una questione chimica che potrebbe essere legata a motivi genetici o culturali. Ma è presto per trarre conclusioni.

Dopo aver compiuto un atto di generosità, donne e uomini ricevono risposte neurologiche leggermente diverse in termini di dopamina, un neutrasmettitore legato alle sensazioni di benessere, coinvolto nel circuito della ricompensa. Lo evidenziano due studi pubblicati su Nature Human Behaviour, che vanno però letti con attenzione prima di saltare subito a facili banalizzazioni e stereotipi di genere.

In sintesi, le donne sembrano ricevere una risposta chimica lievemente più gratificante rispetto agli uomini quando si impegnano in comportamenti generosi. Questo potrebbe dipendere da ragioni innate, legate ai differenti cromosomi, oppure da fattori culturali: le bambine potrebbero crescere in contesti sociali dove le azioni di gentilezza sono più fortemente incoraggiate, rispetto a quanto avviene per i coetanei maschi.

Tieni o dividi? Nella prima ricerca il gruppo guidato da Philippe Tobler, professore di neuroeconomia e neuroscienze sociali all'Università di Zurigo (Svizzera) ha reclutato 55 volontari, 27 femmine e 28 maschi, per un esperimento in doppio cieco (quelli in cui sia gli sperimentatori sia i soggetti ignorano alcune condizioni).

I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a due gruppi, uno dei quali ha ricevuto un placebo e l'altro l'amisulfride - uno psicofarmaco che blocca l'azione della dopamina nel cervello. Quindi i volontari hanno dovuto decidere se tenere per sé una ricompensa in denaro oppure condividerla con un amico o un estraneo. Dopodiché, l'esperimento è stato ripetuto invertendo la somministrazione.

Uomini e donne hanno un cervello diverso? La questione è ampiamente dibattuta. © IPA

I risultati. Sotto l'effetto del placebo il 51% delle donne ha optato per la scelta più generosa, contro il 40% degli uomini. Dopo l'amisulfride, con l'azione della dopamina bloccata, la percentuale di donne prosociali è lievemente scesa (45%), mentre quella degli uomini è salita, anche se di poco (44%).

In diretta. Nel secondo lavoro, gli scienziati hanno analizzato le immagini cerebrali "live" di 40 persone di entrambi i sessi impegnate nel decidere se donare denaro o meno. Dopo una decisione generosa, l'attività in una regione cerebrale coinvolta nella valutazione delle azioni e dipendente dai segnali della dopamina appariva più marcata nelle donne.

Gli studi sembrano evidenziare una piccola differenza nella quantità di neurotrasmettitore rilasciato dopo un'azione generosa, che farebbe sentire più "appagate" (e quindi più propense a ripetere il gesto) le donne rispetto agli uomini.

Criticità. Non tutti concordano con le conclusioni dello studio: i campioni di popolazione coinvolti sono ridotti e i dati sono riferiti a due gruppi impegnati in compiti leggermente diversi. Inoltre, nel primo lavoro, quello sotto placebo, le donne si sono equamente suddivise tra "generose" e "non generose", e neanche gli effetti dell'amisulfride sono stati rilevanti.

In ogni caso, poiché gli stereotipi di genere sono ancora radicati nel modo in cui educhiamo, i risultati non appaiono poi così sorprendenti.

11 ottobre 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us