Le donne proteggono istintivamente il partner dalle rivali fertili

L'evoluzione ha dotato il gentil sesso di un fiuto sopraffino che coglie i segnali dell'ovulazione nelle altre. Così si tiene il compagno alla larga da possibili tentazioni.

con_h_13.01428043_web
Alla larga: vi vedo.|Denis-Huot/Nature Picture Library/contrasto

L'ultima cosa che una donna vorrebbe è vedersi soffiare il partner da un'altra. Per difendere il proprio legame, il gentil sesso ricorre allora a un'arma sottile. A quanto pare, le donne capiscono istintivamente se una potenziale rivale in amore sta ovulando, e in quel caso si fanno ancora più guardinghe, allontanando il compagno dalle sue grinfie. Lo sostiene un articolo pubblicato sul Journal of Personality and Social Psychology

 

Vuoi che diventi sua amica? Un gruppo di psicologi della Arizona State University ha condotto quattro diversi esperimenti su 478 donne eterosessuali fidanzate o sposate, reclutate online. A tutte sono state mostrate foto di altre donne sconosciute e chiesto quanto avrebbero voluto, su una scala da 1 a 7, che le persone ritratte facessero amicizia con il loro partner.

di Questa, no! Sorprendentemente le intervistate hanno mostrato di voler mettere una maggiore distanza tra il compagno e le donne ritratte nelle foto quando queste ultime stavano ovulando. E questo nonostante nessuno le avesse istruite sulla fase del ciclo delle signore ritratte, né avesse mai menzionato questo elemento.

 

Semaforo verde. Studi precedenti avevano già mostrato come sensi e percezioni femminili cambino durante il mese, e come gli uomini si accorgano, mediante questi segnali, dell'avvento dell'ovulazione - il momento in cui una donna è più fertile, ma anche più attraente e più sessualmente disponibile. L'esperimento dimostra che le donne notano questi piccoli cambiamenti anche nelle altre, e li usano inconsciamente per difendere la propria relazione.

 

Come mi piaci ora... In altri test le partecipanti si sono fatte ancora più gelose e protettive quando il loro partner veniva giudicato "desiderabile", o quando le modelle nelle foto erano particolarmente attraenti. Non solo in quei casi le intervistate hanno mostrato di voler creare distanza fisica tra le donne  e i mariti; si sono anche lanciate in una serie di scuse e tattiche subdole, come dichiarare un aumentato interesse sessuale per il partner dopo che avevano visto la foto di una donna nella sua fase fertile.

 

Fidarsi è meglio. O no? Per i ricercatori non ci sono prove che questo innato sistema di difesa funzioni. E nella realtà, dove le relazioni sono molto più complesse di una semplice fotografia, alle donne non resta che scegliere con cura le proprie amiche, e decidere di fidarsi di loro (e dei partner). Una strategia forse non sempre efficace, ma molto più rilassante.

 

 

20 Gennaio 2016 | Elisabetta Intini