Psicologia

Un software per combattere paure e fobie

I primi, promettenti test di una nuova tecnica che permette di trattare ansia e disturbo post-traumatico da stress, senza bisogno di rievocare consciamente le paure.

Una nuova tecnica per il trattamento delle fobie e della sindrome post-traumatica da stress potrebbe consentire, un giorno, di trattare l'ansia derivante da stimoli paurosi senza costringere chi ne soffre a rivivere consapevolmente l'evento scatenante.

Il metodo sviluppato dagli scienziati dell'ATR Computational Neuroscience Lab (Giappone) e descritto su Nature Human Behaviour, sfrutta un software che analizza le immagini cerebrali del paziente e individua il momento in cui associare, all'attivazione derivante dalla paura, una ricompensa. In alcuni test preliminari ha dato risultati incoraggianti: non ha cancellato completamente l'ansia ma l'ha ridotta di molto.

Troppo difficile. Oggi uno dei modi principali di trattare le fobie e gli strascichi di eventi traumatici prevede di far rivivere ai pazienti l'evento doloroso in condizioni "controllate": è la cosiddetta terapia di esposizione graduale. Da tempo Mitsuo Kawato, tra gli autori dello studio, cercava un'alternativa a questo tipo di approccio, che induce il 40% delle persone con disturbo post traumatico da stress ad abbandonare la terapia, psicologicamente impegnativa da sostenere.

Senza che se ne accorga. L'ha trovata in una tecnica chiamata "DecNef" (da decoded neurofeedback) che si svolge in risonanza magnetica funzionale (fMRI) e consiste nell'indurre una risposta nel paziente misurando i suoi pattern di attivazione cerebrale, confrontandoli con una attivazione "ideale", e restituendogli un feedback adeguato senza che il soggetto debba pensarci consapevolmente.

L'esperimento. Per lo studio, è stata registrata l'attività neurale di un gruppo di volontari intenti a fissare cerchi rossi, verdi, blu o gialli su uno schermo. Dopo una cinquantina di "flash", il software ha identificato le aree di volta in volta attivate fino a identificare una specifica attività cerebrale per ciascun colore.

Quello fa male! I soggetti sono stati poi sottoposti a un'altra sequenza di immagini, ma questa volta con l'inserimento di coppie di cerchi - per esempio, verde e rosso - che anticipavano una scossa elettrica dolorosa ma sopportabile. In questo modo i partecipanti hanno imparato ad associare la paura ai cerchi di doppio colore.

Associazione positiva. A questo punto, i volontari sono stati fatti sistemare nello scanner, senza che sapessero di essere monitorati, e senza chiedere loro di pensare alla paura della scossa. Il loro cervello, sebbene "a riposo" ha tuttavia continuato ad attivarsi: il software ha identificato quelle attivazioni e offerto, ogni volta che le "vedeva", una ricompensa in denaro al soggetto, attraverso un messaggio comparso su uno schermo.

Buoni risultati. I volontari avevano ricordi traumatici per entrambi i colori dei cerchi associati alla scossa, ma si è scelto di cancellare soltanto le paure relative a un colore, per misurare la differenza rispetto all'altro.

E ha funzionato: dopo tre trattamenti da un'ora, la paura di quello stimolo era svanita, e l'ansia misurata attraverso sensori sulla pelle dei soggetti appariva dimezzata.

Vaste applicazioni. Ora i ricercatori stanno cercando di capire quanto a lungo duri l'attenuazione della paura, e se la tecnica possa servire a trattare le vere fobie (e non quelle create a solo scopo sperimentale). L'idea è di creare una "biblioteca" delle attivazioni cerebrali associate alle paure più comuni e poterle poi trattare senza che i pazienti debbano rivivere quegli stessi traumi in modo conscio e doloroso.

25 novembre 2016 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us