Psicologia

La scienza degli accumulatori seriali

Perché liberarsi degli oggetti personali può risultare così difficile? Dai "sepolti in casa" patologici a quei vecchi giornali che non riesci a scartare: viaggio nel cervello di chi non butta via niente.

Quando si pensa agli accumulatori seriali vengono in mente i protagonisti di alcuni reality, ma non occorre dormire su pile di abiti smessi per sperimentare un attaccamento patologico verso gli oggetti. Sappiamo che ogni tanto fare pulizia tra ciò che abbiamo collezionato è un'operazione catartica, perché allora viviamo circondati da tante cose inutili? La questione è al centro di un articolo pubblicato sul New Scientist.

Compagnia di vecchia data. Si potrebbe pensare che quello dell'accumulo di oggetti sia un disturbo moderno, legato al consumismo e all'industrializzazione. Ma in realtà molti animali stipano provviste per l'inverno, e ci sono tracce di magazzini di cibo, strumenti e ornamenti antichi anche 10 mila anni. I nostri antenati mettevano da parte i loro averi per salvarli da predatori o furti, e si pensa che accumulare sia una costante delle società in cui l'accesso agli oggetti è relativamente facile e poco costoso.

Distribuzione. Oggi i casi patologici riguardano il 2-6% della popolazione, soprattutto in età adulta (le prime diagnosi avvengono attorno ai 50 anni). A lungo si è pensato che la disposofobia, ossia il disturbo degli accaparratori cronici, fosse una forma di disordine ossessivo-compulsivo. Ora si sa che si tratta in realtà di due problemi un po' diversi (dal 2013 sono classificati separatamente).

Sentimentali con fantasia. In contrapposizione all'ansia e allo stress provati da chi è affetto da entrambi i disturbi e si trova costretto a buttare oggetti, il disposofobico prova emozioni positive, di piacere, nell'accumulare. Gli accaparratori sono legati ai loro possessi da sentimenti di amore, che si traducono in un'attenzione al dettaglio e alla bellezza di linee e profili solo apparentemente banali, nel ricordo preciso della disposizione nello spazio dei vari oggetti, nonché in un pensiero creativo su tutti i possibili usi che di quell'oggetto si potrebbero fare (sei matta a buttare quei tappi! E se ci servissero dei fermaporta?).

Sforzo titanico. L'attivazione cerebrale nelle fasi decisionali è diversa nei disposofobici, negli ossessivi compulsivi e nei sani. Nei primi, le aree incaricate di capire che cosa sia più importante rispetto al resto, in particolare i lobi frontali, mostrano un'attività eccessiva, specie quando si tratta di decidere il valore dei propri oggetti. Il cervello diviene incapace di decisioni rapide e intuitive, e viene impegnato in ragionamenti lunghi e laboriosi, anche per una cartaccia da gettare in pattumiera.

Non posso sbagliare. Inoltre, queste persone sembrano eccessivamente preoccupate delle conseguenze che una decisione sbagliata potrebbe avere, anche quando queste sono minime (e se in futuro dovesse servirmi?).

Da un certo punto di vista, si tratta di perfezionisti, che provano quasi un senso di responsabilità verso gli oggetti, vogliono accertarsi del loro destino e, talvolta, conferiscono alle cose epiteti, e qualità, "umani".

Langley Collyer, sulla destra, nel 1946. L'anno successivo fu trovato morto in casa, insieme al fratello. Il suo corpo venne trovato, tra il ciarpame, diversi giorni dopo quello di Homer. © Wikimedia Commons

Problema di famiglia. In misura contenuta, le ragioni che spingono gli accumulatori non ci sono nuove. Tutti noi sviluppiamo attaccamento verso le cose. Negli accaparratori, è solo portato all'estremo. Le cause di questo disturbo non sono ancora del tutto chiare, ma si sa che ha spesso radici genetiche.

I due disposofobici più celebri, che per primi portarono agli onori della cronaca la patologia, furono due ricchi fratelli newyorkesi: Langley e Homer Lusk Collyer. Negli anni '40 furono rinvenuti cadaveri in una casa piena di cianfrusaglie, scatole, pile di giornali, vecchi ombrelli e 14 pianoforti, per un totale di 150 tonnellate di oggetti, protetti da trappole esplosive contro gli intrusi.

Che fare? Sentimenti di sospetto verso chiunque provi a separarli dai propri oggetti sono comuni tra chi soffre di questo disturbo: per questo motivo, incaponirsi sull'inutilità di quanto accumulato serve soltanto a metterli sulla difensiva. Meglio agire in positivo, trovando anche il modo di suggerire una visita dallo psicologo.

10 maggio 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us