Comportamento

La schizofrenia collegata alla perdita di connessioni tra cellule cerebrali

Nei cervelli di pazienti con schizofrenia vi sono minori concentrazioni di una proteina chiave nelle connessioni tra neuroni: una conferma importante.

Esiste un collegamento tra schizofrenia e perdita di connessioni tra cellule cerebrali: lo si ipotizza dagli anni '80, ma lo si era finora potuto osservare soltanto in analisi post-mortem. Ora un gruppo di neuroscienziati britannici lo ha confermato per la prima volta su pazienti in vita, grazie a un'innovativa tecnica di imaging cerebrale. La scoperta è stata pubblicata su Nature Communications.

Aspetti meno conosciuti. Da tempo si ipotizza che la perdita di sinapsi - le connessioni tra neuroni - possa essere all'origine di un ampio spettro di debilitanti deficit cognitivi associati alla schizofrenia. Di questa malattia si menzionano (e si curano) più spesso i sintomi psicotici come deliri, allucinazioni o alterazioni del flusso di pensiero; tuttavia, la schizofrenia è a lungo termine associata anche a perdita della memoria e della capacità di pianificazione. Disturbi per i quali non esiste un trattamento vero e proprio e che sarebbero collegati proprio alla riduzione di connettività cerebrale.

La prova che mancava. I neuroscienziati del MRC London Institute of Medical Sciences, dell'Imperial College London e del King's College London si sono concentrati su una proteina presente a livello delle sinapsi, la SV2A, considerata un valido marcatore della densità globale di connessioni cerebrali. Hanno trovato un nuovo tracciante che si lega alla SV2A, e l'hanno somministrato a 18 adulti con schizofrenia e 18 soggetti di controllo, che sono stati sottoposti a tomografia a emissione di positroni (PET). Questa tecnica di imaging permette di valutare il metabolismo e le funzionalità di un cervello attivo.

I livelli della proteina sono risultati assai più bassi nel cervello di pazienti con schizofrenia, specialmente nelle aree frontali coinvolte nei compiti di pianificazione. Secondo i ricercatori, la scoperta potrebbe aprire la strada a nuovi trattamenti per i disturbi cronici associati alla malattia. Studiando le differenti distribuzioni di sinapsi tra persone sane o colpite da schizofrenia si potrà comprendere meglio come la complessa rete di snodi comunicativi nel cervello sia alterata da questo disturbo psichiatrico.

30 gennaio 2020 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

In viaggio con Dante Alighieri: per scoprire il “suo” Medioevo, seguirlo sulla via dell'esilio e capire i motivi che lo spinsero a scrivere la Divina Commedia, pietra miliare della lingua e della letteratura italiana. E ancora: i segreti di Madame Claude, la maitresse più famosa di Parigi che “inventò” le ragazze squillo; nella Napoli di Gioacchino Murat, il cognato coraggioso e spavaldo di Napoleone.

ABBONATI A 29,90€

Le nostre attività lasciano un’impronta sull’ambiente, ma dobbiamo vivere in un mondo più sostenibile. Come fare? Inoltre: Voyager 2, la navicella più longeva nella storia delle missioni spaziali; come funzionano i reparti di terapia intensiva dove si curano i malati della CoViD-19; cos'è davvero il letargo per gli animali.

ABBONATI A 29,90€

Sul nuovo numero di Focus Domande&Risposte tantissime domande e risposte curiose e inaspettate nel nome della scienza. Per esempio: è vero che la musica fa cambiare sapore al formaggio? E che mariti e mogli con il tempo si assomigliano? E che la solitudine cambia il nostro cervello?

ABBONATI A 29,90€
Follow us