Psicologia

La psicologia dell'heavy metal

Una ricerca inglese traccia il profilo psicologico degli appassionati di musica metallara.

Se alla mattina vi svegliate canticchiando War Pigs e la colonna sonora della vostra giornata spazia tra gli Iron Maiden e i Judas Priest continuate a leggere questa notizia, anche se probabilmente non vi piacerà.

Un team di ricercatori dell’Università di Westminster ha infatti recentemente tracciato un profilo psicologico degli appassionati di musica heavy metal e ha scoperto che ciò che li accomuna è il rifiuto per l’autorità, una bassa autostima e una buona dose di egocentrismo. Sarà vero?

Quanto heavy sei?

La ricerca è stata condotta da Viren Swami su un campione di 219 donne e 195 uomini di età compresa tra 18 e 57 anni. Gli piscologi hanno chiesto ai volontari di ascoltare 10 brani di heavy metal contemporaneo e poi di rispondere a un questionario dove gli si chiedeva di indicare il grado di apprezzamento di ogni pezzo. Sono poi state condotte interviste finalizzate all’indentificazione dei Big Five, i cinque tratti della personalità teorizzati da McCrae e Costa (estroversione-introversione, gradevolezza-sgradevolezza, coscienziosità-negligenza, nevroticismo-stabilità emotiva, apertura mentale-chiusura mentale).

Luci e ombre
Lo studio, pubblicato su Psychology of Aesthetics, Creativity, and the Arts, ha evidenziato come l’heavy metal piaccia molto alle persone mentalmente aperte perché intenso, eccitante e coinvolgente. «Gli amanti di questa musica sono anticonformisti, aperti alle nuove esperienze e si disinteressano delle tradizioni musicali ormai vecchie» spiegano gli scienziati. «Tutto questo li porta a seguire generi musicali non convenzionali come l’heavy metal contemporaneo».

Qui comando io

I ricercatori hanno trovato una forte correlazione tra l’apprezzamento dell’heavy metal più estremo e il rifiuto dell’autorità. Una scoperta tutto sommato prevedibile, visto che molti dei gruppi più “pesanti” del panorama musicale internazionale - i W.A.S.P, gli Slayer, gli Immortal, tanto per citarne alcuni - sono noti per i loro testi trasgressivi, anti-religiosi e che prendono di mira l’autorità costituita.

Di che tribù sei?
VAI ALLA GALLERY (N foto)

Insoddisfazione e autostima
Secondo Swami la musica heavy metal, soprattutto la più dura, evoca immagini legate alla rivolta contro la cultura dominante e questo fa sì che coinvolga particolarmente gli individui maggiormente insoddisfatti dalla società e dal potere. In molti casi questi stessi appassionati sono gli stessi che, nel test, hanno dimostrato i più bassi livelli di autostima: probabilmente perché questa musica così “forte” consente loro di sfogare frustrazioni e sentimenti negativi.

Fortunatamente lo studio - che va ricordato è basato su un campione molto piccolo - si conclude con un risvolto positivo: secondo i ricercatori britannici la musica metal può infatti contribuire a promuovere sentimenti positivi e rafforzare l’autostima.

Ti potrebbero interessare:
La musica nata in discarica
Concerto per macchina da scrivere

25 novembre 2013 Rebecca Mantovani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us