Psicologia

Con il tempo la memoria dei dettagli scompare; quella dei luoghi, resta

Sembra esserci qualcosa di speciale, nella memoria spaziale, che rende possibile conservare più a lungo il ricordo dei luoghi visti.

La memoria, si sa, ha la brutta abitudine di affievolirsi col tempo: mano a mano che passano le ore e i giorni che ci separano da una situazione vissuta, i dettagli sulle persone incontrate, su quello che hanno detto, su come erano vestite, si fanno più sfocati nel cervello. Questa regola universale sembra valere un po' meno per la memoria dei luoghi: in genere ricordiamo molto bene dove era posizionato un oggetto, anche quando scordiamo tutto il resto. La scoperta pubblicata su bioRxiv potrebbe essere sfruttata da chi studia l'attendibilità delle deposizioni ai processi.

Che cosa c'era nella foto? Un team di psicologi dell'Università di Chicago è arrivato a questa conclusione attraverso due esperimenti. Nel primo, ha mostrato a 1.609 persone le immagini di sei diversi contesti (una camera da letto, una cucina, un salotto, un parco giochi, un giardino e un parco pubblico), per periodi di tempo variabili dai 100 millisecondi ai 10 secondi. Immediatamente dopo, i partecipanti hanno dovuto ricreare a memoria le scene nel maggiore dettaglio possibile, disegnando con il mouse o il touchpad sulla piattaforma di crowdsourcing Amazon Mechanical Turk.

Attesa crescente. Nel secondo esperimento, altre 942 persone hanno visto le stesse scene, ma tutte per 10 secondi soltanto. In alcuni casi hanno dovuto ridisegnarle subito, in altri dopo 5 minuti, in altri ancora dopo un'ora, un giorno, due giorni o una o due settimane.

Oggetti extra. Come prevedibile, quando i ricercatori hanno verificato quanti degli oggetti della scena iniziale i partecipanti avessero incluso nei loro disegni, si è visto che il grado di precisione nel ricordarli diminuiva con il passare del tempo, ed era minore in chi aveva avuto il periodo di osservazione più breve. Un quinto delle persone che aveva aspettato due settimane prima di poter disegnare aveva inserito nella sua ricostruzione a memoria almeno un oggetto non presente nella scena reale; un quarto di questi disegni conteneva più di un falso oggetto.

Non ricordo com'era, ma si trovava lì! Più sorprendente è stato scoprire che, anche se i partecipanti non ricordavano tutti gli oggetti inclusi nella scena, sapevano però ricollocare quelli che ricordavano in modo molto preciso nello spazio -  come se ci fosse qualcosa di particolare nel modo in cui codifichiamo, e poi rievochiamo, questo tipo di ricordo.

La differenza emersa potrebbe risultare estremamente utile nei contesti in cui è necessario ricostruire i particolari di una scena passata, come durante le testimonianze oculari.

Per esempio i ricordi su dove si trovavano una persona o un oggetto potrebbero essere più precisi e saldi nella memoria di quelli sul loro aspetto.

L'effetto-abitudine. Ulteriori test dovranno valutare se su questa precisione influisca in parte qualche schema di pensiero pregresso: per esempio, è lecito aspettarsi che un vaso di fiori in cucina si trovi al centro del tavolo, o che un comodino nella camera sia posizionato accanto al letto. Anche questo "senso comune" potrebbe influire sulla nostra memoria.

19 febbraio 2024 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

L’incredibile vita di Guglielmo Marconi, lo scienziato-imprenditore al quale dobbiamo Gps, Wi-Fi, Internet, telefonia mobile… Per i 150 anni della sua nascita, lo ricordiamo seguendolo nelle sue invenzioni ma anche attraverso i ricordi dei suoi eredi. E ancora: come ci si separava quando non c’era il divorzio; il massacro dei Tutsi da parte degli Hutu nel 1994; Marco De Paolis, il magistrato che per 15 anni ha indagato sui crimini dei nazisti; tutte le volte che le monarchie si sono salvate grazie alla reggenza.

ABBONATI A 29,90€

Nutritivo, dinamico, protettivo: il latte materno è un alimento speciale. E non solo quello umano. Molti mammiferi producono latte, con caratteristiche nutrizionali e di digeribilità diverse. Ma qual è il percorso evolutivo che ha portato alla caratteristica più "mammifera" di tutte? Inoltre, ICub è stato testato per interagire con bambini autistici; quali sono i rimedi tecnologi allo studio per disinnescare il pericolo di alluvioni; all’Irbim di Messina si studia come ripulire il mare dagli idrocarburi; la ricerca delle velocità più estreme per raggiungere lo spazio e per colpire in guerra; il cinguettio degli uccelli e ai suoi molteplici significati.

ABBONATI A 31,90€
Follow us