Psicologia

La guerra dei narcisi

Guerrafondai e narcisisti sembrano legati da un comune destino. O meglio, dallo stesso modo di comportarsi. Sembra infatti che le guerre vengono iniziate con più frequenza (e spesso perdute) da un tipo particolare di persone: quelle ultra fiduciose nelle proprie capacità e narcisiste.

La notizia non è una novità, ma ora l'ipotesi dovrebbe avere finalmente una solida base scientifica grazie a uno studio della Princeton University (USA).

L’esperimento ha coinvolto 200 volontari ai quali è stato chiesto di giocare, uno contro l’altro, al computer in una sorta di Risiko.

Ai giocatori erano stati dati 20 dollari per la partecipazione all'esperimento, ma ne erano stati promessi altri 10 se avessero vinto, o ammassando una quantità di ricchezza maggiore rispetto all'avversario, o sconfiggendolo completamente.
Prima dell’inizio della “guerra, inoltre, a ogni giocatore era stato chiesto di valutare se stesso, stilando una classifica e facendo una previsione su come se la sarebbe cavata rispetto agli altri 199 partecipanti.

I dati raccolti dal gioco hanno offerto risultati interessanti: i soggetti più aggressivi (lanciavano attacchi non provocati) erano i maschi e soprattutto erano molto fiduciosi nelle proprie capacità. Chi attaccava per primo si era collocato in media al 60esimo posto nella autoclassifica stilata prima dell'inizio del gioco, mentre chi era un po' più dubbioso, si era classificato in media al 75esimo.

Rispetto invece altre credenze popolari, i livelli di testosterone non erano un fattore chiave nello spingere qualcuno a dichiarare guerra, mentre un'analisi psicologica alla fine della partita, ha indicato che i guerrafondai maschi (e non le femmine) erano tendenzialmente più narcisisti.

28 giugno 2006
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us