Psicologia

L'immaginazione può davvero liberarci dalla paura

Immaginare un suono associato a un'esperienza traumatica in condizioni di sicurezza è efficace quanto l'esposizione al suono stesso, nell'estinguere il ricordo spiacevole. La scoperta potrebbe servire nel trattamento dei disturbi d'ansia.

Immaginare ciò che spaventa in una situazione di tranquillità può aiutarci a superare la paura: secondo uno studio pubblicato sulla rivista Neuron, l'estinzione della paura attraverso la progressiva desensibilizzazione dal ricordo traumatico (una tecnica spesso usata nella psicoterapia) può avvenire anche immaginando lo stimolo e non solo esponendosi realmente ad esso. La scoperta di fatto conferma, a livello neurofisiologico, un fenomeno che gli psicologi clinici osservano da tempo e sfruttano già con successo sui loro pazienti.

Un legame da sciogliere. Il cervello umano apprende in fretta la paura, associando un evento negativo al ricordo di un'esperienza spiacevole. In seguito, ogni volta che un suono o un indizio visivo rievocano quel vissuto, si rivivono le stesse sensazioni di panico e disagio. Nel caso di ricordi particolarmente traumatici e ricorrenti, questi flash-back possono diventare debilitanti. Una delle strade più efficaci per sbarazzarsene è imparare ad associare quegli stessi stimoli a ricordi non spiacevoli, attraverso una graduale e controllata esposizione ad essi in contesti sicuri e con l'aiuto di uno psicoterapeuta. Non sempre però, far rivivere un'esperienza paurosa è semplice o eticamente auspicabile: si pensi a chi soffre per il ricordo di momenti vissuti in guerra o in un incidente stradale.

Suoni traumatici. Per questo in ambito clinico si fa ricorso all'immaginazione, ma le basi neurali di questo trattamento, peraltro efficace, non erano ancora chiare. I neuroscienziati della Icahn School of Medicine at Mount Sinai di New York hanno esposto 68 partecipanti a due diversi suoni, uno dei quali associato a una piccola scossa elettrica inaspettata. Quindi hanno diviso i volontari in tre gruppi. Al primo è stato detto di ricreare i suoni associati al pericolo nella loro mente, immaginandoli; al secondo sono stati fatti ascoltare per davvero, e al terzo - il gruppo di controllo - è stato detto di immaginare due suoni naturali "neutri", come quello della pioggia o il canto degli uccelli (per testare gli effetti dell'immaginazione sull'attivazione fisiologica o arousal).

Non è reale, ma funziona. L'estinzione immaginata e quella reale sono risultate ugualmente efficace nella riduzione della risposta fisiologica associata al pericolo, come ha dimostrato la successiva esposizione dei volontari ai suoni "incriminati". Gli esami di imaging cerebrale (con risonanza magnetica funzionale, fMRI) hanno dimostrato che l'immaginazione del suono spaventoso ha attivato un network cerebrale che coinvolge la corteccia prefrontale ventromediale, una regione chiave per l'estinzione delle risposte apprese al pericolo che risulta spesso malfunzionante in chi soffre di disturbi d'ansia.

L'estinzione della paura legata all'immaginazione è tanto più efficace, quanto più intensa la attivazione della corteccia uditiva primaria: in altre parole, immaginare un suono attiva la stessa area che si "accende" quando lo udiamo realmente.

22 novembre 2018 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us