Psicologia

Il linguaggio modifica la percezione del tempo

Il nostro modo di esprimerci è abbastanza potente da influenzare il modo in cui ci accorgiamo dei minuti che passano. I bilingui passano da una modalità all'altra senza neanche accorgersene.

Ogni lingua propone una tipica organizzazione del mondo che ci circonda e dei suoi elementi: la percezione del tempo è uno di questi. Il nostro modo di parlare influenza il modo di intendere lo scorrere dei minuti e delle ore, e i bilingui sono in grado di abbracciare gli "schemi" mentali di ogni idioma che conoscono, scivolando facilmente dagli uni agli altri. La scoperta è stata pubblicata sul Journal of Experimental Psychology: General.

Paese che vai... Nel marcare la durata degli eventi, ogni lingua ricorre a una diversa strategia. Per esempio, inglesi e svedesi la descrivono riferendosi a distanze fisiche (una pausa corta, un lungo matrimonio) mentre greci e spagnoli la indicano in termini di quantità e volume (una piccola pausa, un grande matrimonio).

cambio di paradigma. Due linguisti delle università di Lancaster (Gran Bretagna) e Stoccolma (Svezia) hanno chiesto a bilingui spagnoli e svedesi di stimare la durata del tempo che passava mentre vedevano una linea scorrere lungo uno schermo o un contenitore che si riempiva. Nel mentre, hanno ascoltato pronunciare la parola "durata" sia in spagnolo, sia in svedese. Sotto l'influenza della lingua latina, i volontari hanno descritto la durata del tempo ricorrendo preferenzialmente alla pienezza del contenitore. Il termine svedese ha invece diretto l'attenzione in modo netto sulla linea che cresceva.

I bilingui sono passati facilmente da un'impostazione mentale all'altra, a dimostrazione che il linguaggio può scolpire le nostre funzioni e percezioni più fondamentali, dalle emozioni alla percezione visiva, al senso del tempo.

4 maggio 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us