Psicologia

L'identikit dell'accumulatore seriale del mondo digitale

Una fame insaziabile di e-mail, foto, video e altri documenti: ne è affetto l'accumulatore seriale del mondo digitale. Ecco perché non è una buona cosa...

Selfie multipli, email del 2016, video divertenti: cellulari e computer ne sono pieni, e spesso questa roba digitale giace inutile e inutilizzata occupando gigabyte di spazio. L'accumulo digitale (in inglese digital hoarding) è uno dei problemi del XXI secolo, e sostituisce o affianca quello fisico di oggetti reali. Gli accumulatori seriali, di oggetti fisici o dati virtuali, hanno caratteristiche simili: non riescono a sbarazzarsi delle cose, che accumulano in quantità e in modo disordinato. Uno studio pubblicato su Information & Management indaga questo nuovo disturbo tipico dell'era digitale, cercando di definirlo e capire come combatterlo.

Focus Live
Hai sentito? Torna Focus Live, il festival della divulgazione scientifica di Focus. Al Museo Scienza e Tecnologia di Milano, dal 4 al 6 novembre 2022, potremo incontrare ricercatori, scienziati, esperti di tecnologia e di salute, e toccare con mano tutto il bello della scienza: l'ingresso è gratuito, per prenotare clicca qui.

Peggio in digitale. Gli autori definiscono accumulo digitale la necessità di acquisire e conservare contenuti digitali senza uno scopo preciso. Rispetto all'accumulo di oggetti, quello di file è per certi versi più semplice e può più facilmente sfuggire di mano. Innanzitutto, l'accumulatore seriale del mondo digitale non ha i limiti che impone lo spazio fisico: può decidere di comprare più memoria nel cloud, o acquistare un nuovo disco esterno e continuare a salvare dati.

In secondo luogo, accumulare file non richiede alcuno sforzo fisico: è tutto a portata di clic, e non serve spostare mobili o liberare stanze per farci stare più cose. Infine, i contenuti digitali possono essere copiati e moltiplicati, con un potenziale accumulo infinito di dati.

Ansia da accumulo. L'accumulo digitale viene definito dagli autori sulla base di tre criteri: la costante acquisizione di contenuti digitali, la difficoltà nel liberarsene e la propensione al disordine virtuale. Alcune delle 846 persone che hanno partecipato allo studio erano arrivate ad accumulare oltre 40 terabyte (TB) di file: spesso questo accumulo compulsivo genera alti livelli di ansia, specialmente nelle donne.

oggetti accumulati
Il disturbo da accumulo è un disturbo ossessivo compulsivo caratterizzato da un’incapacità di liberarsi di oggetti personali a prescindere dal loro valore. © trekandshoot | Shutterstock

Pulizia e ordine (digitale). Per evitare che l'accumulo incontrollato di dati virtuali si trasformi in un serio disturbo mentale, gli esperti consigliano di:

  1. fare una "pulizia di primavera" ogni anno, ripulendo i dispositivi elettronici da contenuti inutili;
  2. cercare di organizzare file e email in modo ordinato;
  3. ridimensionare l'importanza dei social network e dei gruppi di Whatsapp, eliminando quelli non necessari.

Se queste indicazioni non dovessero dare risultati, o se provare a metterle in pratica dovesse generare ansia o frustrazione, secondo gli esperti potrebbe valere la pena rivolgersi il prima possibile a un medico o uno psicologo, per farsi aiutare.

18 ottobre 2022 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Scipione e Annibale, Mario e Silla, Demostene e Filippo II di Macedonia... I giganti della Storia che hanno passato la loro vita a combattersi, sui campi di battaglia e non solo. E ancora: l'omicidio di Ruggero Pascoli, il padre del famoso poeta, rimasto impunito; il giro del mondo di Magellano e di chi tornò per raccontarlo; la rivoluzione scientifica e sociale della pillola anticoncezionale; nelle prigioni italiane dell'Ottocento; come, e perché, l'Inghilterra iniziò a colonizzare l'Irlanda.

 

ABBONATI A 29,90€

Tigri, orsi, bisonti, leopardi delle nevi e non solo: il ricco ed esclusivo dossier di Focus, realizzato in collaborazione con il Wwf, racconta casi emblematici di animali da salvare. E ancora: come la plastica sta entrando anche nel nostro organismo; che cos’è l’entanglement quantistico; come sfruttare i giacimenti di rifiuti elettronici; i progetti più innovativi per poter catturare l’anidride carbonica presente nell’atmosfera.

ABBONATI A 31,90€
Follow us