Psicologia

I suoni che i bimbi ascoltano mentre dormono li aiutano a sviluppare il linguaggio

Ascoltare passivamente brevi suoni nel sonno aiuta i bimbi, specie quelli con rischio di ritardo nel linguaggio, a imparare a parlare distinguendo le sillabe.

I suoni ai quali i bambini vengono esposti mentre dormono giocano un ruolo importante nello sviluppo del linguaggio, specie nei piccoli che rischiano di soffrire di ritardi nel linguaggio: è quanto emerge da una ricerca pubblicata su Cerebral Cortex, che per la prima volta ha analizzato il ruolo di brevi segnali sonori ascoltati passivamente durante il sonno nello sviluppo delle capacità linguistiche dei bambini.

Lo studio. I ricercatori hanno dimostrato che i bambini che venivano esposti passivamente a una serie di suoni non linguistici una volta a settimana per sei settimane, riuscivano a identificare e distinguere le sillabe in modo più preciso tra i 12 e i 18 mesi di età rispetto ai loro coetanei, oltre a totalizzare un punteggio migliore sul linguaggio. Questi suoni, brevi transizioni acustiche di pochi decimi di millisecondi, faciliterebbero la formazione e il rafforzamento delle connessioni neurali e sarebbero essenziali per l'elaborazione del linguaggio.

Ascolto passivo. Un aspetto rilevante della ricerca è l'aver scoperto l'importanza dell'ascolto passivo: «Si tratta di un'alternativa più semplice ed economica che permette ai genitori di supportare lo sviluppo a casa, oltre a offrire ai bambini ad alto rischio di sviluppo di problemi del linguaggio la possibilità di essere curati in modo accessibile in clinica o in studi pediatrici», sottolinea April Benasich, una degli autori. Secondo l'esperta, far conoscere queste scoperte neuroscientifiche al pubblico e agli operatori sanitari è fondamentale, in particolare quando riguardano «lo sviluppo di piccole menti».

26 agosto 2023 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us