Comportamento

I sogni prima di morire

Nelle ultime settimane di vita si farebbero più frequenti i sogni dal sapore consolatorio, come quelli che riguardano amici e parenti defunti: lo riferisce uno dei pochi studi diretti sul tema.

Di testimonianze di sogni o visioni densi di significato che accompagnano gli ultimi giorni di vita è piena la storia. Ora uno studio scientifico sul tema sembra suggerire che questi episodi siano un processo strettamente legato al fine vita e che abbiano un valore consolatorio.

La ricerca, è bene precisarlo, è stata compiuta su un campione ridotto di pazienti (66) e da un'università poco conosciuta e che fa riferimento alla Compagnia di Gesù (i Gesuiti in quanto cattolici credono in una vita oltre la morte). Richiede quindi ulteriori approfondimenti e il necessario distacco, ma rimane pur sempre uno studio interessante perché tratta un tema avvincente e ancora poco approfondito scientificamente.

Parola ai pazienti. I dati sono stati raccolti intervistando 66 malati terminali ricoverati presso il Center for Hospice and Palliative Care di Cheektowaga, New York, su frequenza e contenuto di sogni e visioni sperimentati nelle ultime settimane di vita. Si tratta del primo studio che coinvolge direttamente gli autori dei sogni: prima d'ora, le ricerche del settore avevano raccolto soltanto testimonianze indirette di medici e parenti.

Facce amiche. Quelli riguardanti parenti e amici defunti sono stati i più frequenti tra i sogni riportati dai pazienti: gli episodi di questo tipo sono stati definiti "significativamente più confortanti" rispetto agli altri e si sono fatti sempre più frequenti con l'approssimarsi della morte. L'ipotesi è che questi sogni caratterizzati da realismo e da un intenso significato emotivo abbiano un valore consolatorio per i pazienti, e che vadano trattati di conseguenza.

Differenze. È importante, conclude lo studio, distinguerli da deliri e allucinazioni, con cui spesso vengono confusi. «Durante lo stato di delirio si perde il contatto con la realtà e la capacità di comunicare razionalmente. Il delirio è stressante e pericoloso e va trattato dal punto di vista medico. Invece, i sogni che accompagnano il fine vita sono tipicamente confortanti, verosimili e spesso molto significativi» scrivono gli scienziati.

Aggiornamento: Quasi la metà dei sogni e delle visioni (45,3%) è avvenuta durante il sonno; il 15,7% si è verificato da svegli, e il 39,1% si è registrato tra il sonno e la veglia.

27 ottobre 2015 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

In viaggio con Dante Alighieri: per scoprire il “suo” Medioevo, seguirlo sulla via dell'esilio e capire i motivi che lo spinsero a scrivere la Divina Commedia, pietra miliare della lingua e della letteratura italiana. E ancora: i segreti di Madame Claude, la maitresse più famosa di Parigi che “inventò” le ragazze squillo; nella Napoli di Gioacchino Murat, il cognato coraggioso e spavaldo di Napoleone.

ABBONATI A 29,90€

Le nostre attività lasciano un’impronta sull’ambiente, ma dobbiamo vivere in un mondo più sostenibile. Come fare? Inoltre: Voyager 2, la navicella più longeva nella storia delle missioni spaziali; come funzionano i reparti di terapia intensiva dove si curano i malati della CoViD-19; cos'è davvero il letargo per gli animali.

ABBONATI A 29,90€

Sul nuovo numero di Focus Domande&Risposte tantissime domande e risposte curiose e inaspettate nel nome della scienza. Per esempio: è vero che la musica fa cambiare sapore al formaggio? E che mariti e mogli con il tempo si assomigliano? E che la solitudine cambia il nostro cervello?

ABBONATI A 29,90€
Follow us