I regali peggiori? Agli amici più cari

regali

Se anche quest’anno sotto l’albero vostro padre, appassionato di Beatles, troverà l’ennesimo greatest hits con la voce di Lennon rimasterizzata (che canta canzoni che lui peraltro già possiede in vinile originale), è probabile che abbiate di nuovo sbagliato regalo. Sul fatto che spesso, nell’acquistare doni per le persone a noi più care, liberiamo il lato peggiore della nostra creatività, è stato addirittura compiuto uno studio scientifico. Davy Lerouge, della Tilburg University in Olanda, e Luk Warlop,della Katholieke University in Belgio, hanno osservato un campione di coppie di fidanzati da almeno sei mesi: i partecipanti hanno mostrato di fare più attenzione alle preferenze di interlocutori assegnati al momento dell'esperimento, piuttosto che a quelle del loro partner abituale.
Ma perché siamo così superficiali?
Da una parte perchè sopravvalutiamo la nostra consapevolezza dei gusti di coloro che amiamo, cioè pensiamo di conoscerli molto bene. E non sempre è vero.
Inoltre, crediamo che si tratti di persone estremamente simili a noi, solo per il fatto che ci sono vicine. Ecco allora che tendiamo a trascurare le nuove informazioni che ci forniscono, che potrebbero indicarci le loro preferenze in fatto di doni, per basarci unicamente sulle nostre opinioni pre-confezionate, che costituiscono una conoscenza estensiva, ma superficiale.
Al contrario, se dobbiamo acquistare un regalo per qualcuno che non conosciamo, ci concentriamo maggiormente su nozioni più specifiche e quindi più vicine alle sue attitudini.
Tremate, allora: Natale si avvicina…

11 Dicembre 2006